Crisi dei comuni: i sindaci in Prefettura per chiedere l'intervento del governo CLICCA PER FOTO E VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

La richiesta di norme norme idonee a sostenere i comuni

Crisi dei comuni: i sindaci in Prefettura per chiedere l’intervento del governo CLICCA PER FOTO E VIDEO

di
17 Novembre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO E LE FOTO IN BASSO

I sindaci siciliani lanciano un appello univoco al governo nazionale, con la richiesta di norme a sostegno per evitare il dissesto nei loro comuni. Per questo motivo i primi cittadini hanno organizzato una serie di incontri con i 9 Prefetti della regione, in programma oggi e domani giovedì 18 novembre, per rappresentare la gravissima crisi finanziaria e organizzativa in atto nei 391 comuni della Sicilia e per chiedere che vengano approvate, con somma urgenza, norme idonee a sostenere i comuni, che a causa di una grave crisi strutturale e di sistema non sono in grado di approvare i bilanci.

In base agli ultimi dati pubblicati dall’assessorato regionale delle autonomie locali, infatti, solamente 152 comuni su 391 hanno approvato il bilancio di previsione 2021-2023 e appena 74 comuni il consuntivo 2020.

Le delegazioni dei sindaci delle province di Catania Siracusa e Messina hanno già incontrato, stamattina, i prefetti delle loro rispettive province. Oggi pomeriggio invece è stata la volta dei primi cittadini della provincia di Palermo riunitisi in via Cavour alla presenza del Prefetto Giuseppe Forlani e del presidente dell’Anci e sindaco di Palermo Leoluca Orlando. 

Già nel corso dell’ultima assemblea Anci, svoltasi a Parma dal 9 all’11 novembre, è emerso che le comunità dell’Isola sono di fronte a una crisi di sistema drammatica e così vasta che prescinde dalle questioni amministrative e gestionali e dagli orientamenti politici. Il risultato secondo i sindaci sarebbe quello di essere condizionati dall’ impossibilità ad offrire servizi adeguati ai cittadini ed a realizzare investimenti specie in vista dell’attivazione delle risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Per ripartire, al momento, l’unica speranza resta la boccata d’ossigeno che dovrebbe arrivare da Roma.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.