Crisi del turismo: la protesta degli imprenditori di Taormina e Alcantara :ilSicilia.it
Messina

sit-in per il programma tv "Fuori dal Coro"

Crisi del turismo: la protesta degli Imprenditori di Taormina e Valle Alcantara

di
12 Maggio 2020

“Parte da Taormina e dalla Valle Alcantara la protesta turistica della Sicilia”. Lo afferma l’imprenditore Angelo Maimone, che ha preso parte alla protesta di alcuni operatori economici del comprensorio che si sono ritrovati a Taormina, in piazza Santa Caterina, per registrare un loro intervento per il programma “Fuori dal Coro”, che andrà in onda stasera su Rete 4, nel quale verrà esternata la preoccupazione degli imprenditori di questo territorio per effetto per la crisi economica determinata dall’emergenza Covid19.

“Proprio di recente è stata costituita l’Associazione Imprenditori turistici associati. Le aziende che ne fanno parte, sono in Sicilia rappresentative di aziende del settore alberghiero, ristorativo, trasporti terrestri e marittimi, parchi divertimento, etc“, spiegano i soci fondatori Angelo Maimone (settore Trasporti Turistici e Mobilità, che a Taormina opera con una società di bus scoperti per itinerari turistici) – Maurizio Vaccaro (settore Alberghiero e Parchi Divertimento) – Leonardo Termini (settore finanza) – Antonio Carbone (Settore comunicazione e TIC) coadiuvati nello svolgimento delle funzioni da Enzo Pisano (settore product manager T.O.) – Angelo Lombardo (settore alberghiero e trasporti marittimi).

“L’associazione – hanno spiegato i fondatori – è fatta di imprenditori che operano nel comprensorio di Taormina e Gole Alcantara. Vogliamo tutelare tutte le imprese della filiera turistica siciliana e coadiuvare le Istituzioni locali, regionali e nazionali nella ricerca di soluzioni da adottare per le nostre imprese al fine di uscire dall’emergenza Covid-19 con il minor danno possibile e con un concreto sostegno per la ripartenza post lockdown”. Per questo l’associazione ha già inviato un documento al Governo nazionale, al Governo regionale, al Comune di Taormina e alle deputazioni.

Chiedono che si dia modo alle aziende di superare i prossimi mesi, fino alla prossima stagione 2021: “Questa fase avrà una durata di 10/12 mesi e dovrà contemplare da parte delle Istituzioni e del Sistema bancario, una serie di interventi che non possono solo essere di prestiti, ma che deve prevedere necessariamente anche delle contribuzioni a fondo perduto alle aziende”. E poi si chiede che venga pianificata la seconda fase che “si protrarrà per tutto il 2021 e che vedrà le aziende impegnate nel ritorno alla normalità operativa, nella quale si spera in ricavi stagionali adeguati e sufficiente al mantenimento delle attività aziendali ed al pagamento dei debiti con le banche postergati in virtù delle disposizioni di legge in merito al posticipo delle rate dei mutui e dei prestiti già in essere prima della crisi”.

Infine si è evidenzia la necessità di una strategia per “una terza fase, relativa alla stagione 2022, nella quale (superati in rischi pandemici) le aziende devono poter ritornare a regime e contare su adeguati ricavi dalle attività ed iniziare a pagare anche i prestiti ottenuti tramite il D.L. 23/2020”. Il grido di dolore, insomma, è quello di un settore turistico che sollecita un piano di interventi sul settore turistico che abbia una valenza almeno fino al 2022 (almeno 24 mesi) e che preveda interventi a sostegno finanziario delle aziende.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin