Crisi della pesca, Conte e Tardino (Lega): "Misure insufficienti" :ilSicilia.it

LA DICHIARAZIONE CONGIUNTA DELLE EURODEPUTATE

Crisi della pesca, Conte e Tardino (Lega): “Misure insufficienti”

di
21 Marzo 2020

In una nota congiunta, le eurodeputate della Lega Rosanna Conte e Annalisa Tardino, intervengono sulla crisi della pesca in Italia.

Le nostre marinerie vanno urgentemente aiutate a superare questo momento di grande difficoltà. I pescatori hanno bisogno di misure in grado di fronteggiare l’emergenza Coronavirus, che si innesta su una crisi in atto già da tempo nel settore, anche a causa, come abbiamo denunciato più volte, di normative europee che non hanno tenuto in dovuta considerazione le peculiarità della nostra pesca”.

Annalisa Tardino
Annalisa Tardino

A livello europeo è necessario che il FEAMP possa sostenere il fermo temporaneo causato da crisi sanitarie, abbattendo il limite temporale di sei mesi nonché le limitazioni finanziarie previste dal regolamento – sotttolinea Conte e Tardino -. Stiamo lavorando affinché queste modifiche vengano inserite nel pacchetto di riforme di alcuni regolamenti comunitari volti a mobilitare gli investimenti per far fronte agli effetti del Covid-19. Queste riforme verranno votate con procedura d’urgenza la prossima settimana e ci aspettiamo che le modifiche al FEAMP vengano avanzate anche dall’Italia“.

Sarà ancora più indispensabile adottare quel provvedimento che abbiamo già richiesto mesi fa per garantire l’applicazione dell’attuale FEAMP 2014-2020 oltre la sua scadenza, in attesa dell’approvazione del nuovo Fondo e del bilancio pluriennale UE, i cui negoziati subiranno ritardi e si prolungheranno per mesi. Per la PAC e il mondo dell’agricoltura, questo provvedimento ponte è già stato adottato, ora è importante che anche alla pesca vengano garantite continuità e sostegno finanziario per la gestione dello sforzo di pesca“.

Per quanto riguarda, invece, il livello nazionale, le misure prese dal Governo nel decreto “Cura Italia” non sono sufficienti per fronteggiare le gravi conseguenze negative sul comparto – attaccano Conte e Tardino -. L’istituzione di un Fondo da 100 milioni di euro a sostegno delle imprese agricole e per l’arresto temporaneo dell’attività di pesca, infatti, vedrà solo una parte residuale delle risorse andare alle imprese della pesca. Per noi è necessario procedere alla sospensione delle scadenze e dei pagamenti, nonché ad interventi di semplificazione amministrativa. Inoltre, i pregressi fermi pesca devono essere saldati velocemente per consentire ai pescatori di poter contare su liquidità da reinvestire in questa situazione di difficoltà“.

Dal settore ci arriva un forte grido di allarme: la stragrande maggioranza dei pescherecci sono fermi nei porti da molti giorni, a causa del crollo della domanda di prodotti ittici freschi, e a seguito dell’adozione delle misure di contenimento del contagio“.

L’Europa ed il Governo devono impegnarsi a supporto di tutte le categorie produttive e dimostrare concretamente l’attenzione verso questo settore, che al momento non si vede assicurato un sostegno adeguato. Noi siamo qui, con proposte concrete, per fare in modo che la voce del mondo della pesca venga ascoltata”, chiosano le eurodeputate della Lega.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin