Crisi e pandemia, l'appello di associazioni e sindacati alla Regione: "Politica trovi misure urgenti" :ilSicilia.it

nasce un Coordinamento permanente tra le Associazioni

Crisi e pandemia, l’appello di associazioni e sindacati alla Regione: “Politica trovi misure urgenti”

di
17 Marzo 2021

Coordinamento permanente delle associazioni datoriali e delle organizzazioni sindacali della Regione Sicilia: Confindustria Sicilia, Confcooperative, Legacoop, Confartigianato, Cna, Confcommercio, Confesercenti, Casartigiani, Cgil e Uil Sicilia scrivono un appello per sensibilizzare la politica regionale a prendere opportuni provvedimenti per risollevare l’Isola dalla crisi economica accentuata dalla pandemia.

«Le sottoscritte organizzazioni datoriali e sindacali della Regione Sicilia, visto il perdurare della crisi economica e sociale, intensificatasi con l’emergenza della pandemia da Covid-19, preso atto che né il governo nazionale né tantomeno il governo regionale stanno ponendo in atto, ad oggi, misure adeguate sia per contrastare gli effetti negativi sulle imprese, sulle famiglie e sui lavoratori, sia per rilanciare adeguati programmi di sviluppo economico, finanziario e sociale, hanno deciso di dar vita ad un Coordinamento permanente tra le rispettive Associazioni al fine di costruire proposte comuni da sottoporre sia al governo regionale che alle proprie organizzazioni nazionali. I rappresentanti del Coordinamento regionale nel ritenere che lo sviluppo del sistema Paese Italia non può prescindere dallo sviluppo del suo Mezzogiorno e della Sicilia sottolineano come sia necessario un cambio di passo importante nell’elaborazione delle strategie politiche ed economiche volte sia a valorizzare le risorse presenti nella Regione Sicilia, facendone un volano di sviluppo, sia ad eliminare i tanti gap infrastrutturali esistente con il resto di Italia.

associazioni di categoria e sindacatiEnergia, turismo, cultura, risorse umane, politiche sociali, lavoro – sottolineano  sono temi che necessitano di un atto serio di responsabilità da parte di tutti e le sottoscritte organizzazioni intendono essere parte attiva nel ridisegnare il futuro economico e sociale della Sicilia volendo essere interlocutori privilegiati delle Istituzioni alle quali chiedono in prima battuta di porre la dovuta attenzione al ruolo dei corpi intermedi. 

Non è assolutamente accettabile che il futuro dei siciliani, a partire dalla declinazione delle risorse del Recovery plan, al piano vaccinale, al Next Generation Eu, venga nei fatti deciso senza il giusto coinvolgimento delle Parti sociali, sindacali e datoriali. Il Coordinamento neocostituito ha l’obiettivo di fare massa critica e far sentire unitariamente e con maggiore enfasi la propria voce. Il Coordinamento che oggi vede la partecipazione delle sottoscritte Associazioni è comunque aperto a quanti delle organizzazioni regionali intendessero essere costruttori di un nuovo ruolo e partecipazione alla vita economica e sociale della Sicilia».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin