Crisi idrica a Messina: i fondi per la svolta arriveranno dal "Masterplan" :ilSicilia.it
Messina

previste opere per la fornitura h24 nei villaggi

Crisi idrica a Messina: i fondi per la svolta arriveranno dal “Masterplan”

di
22 Ottobre 2018

Si è svolto stamane a Palazzo dei Leoni un confronto tra il sindaco Metropolitano, Cateno De Luca, i tecnici della Città Metropolitana e i rappresentanti dell’Amam per inserire nella programmazione del Masterplan, che dispone di fondi per circa 800 milioni di euro, la realizzazione di infrastrutture strategiche relative al servizio idrico della Città di Messina.

L’atavica questione della crisi idrica a Messina potrebbe arrivare ad una svolta. L’incontro odierno si è soffermato sull’analisi delle azioni da mettere in campo per il rafforzamento delle risorse già previste per l’impianto di Montesanto e per il reperimento delle risorse che permettano di realizzare un sistema di approvvigionamento idrico alternativo, rispetto a quello attuale che è basato sul Fiumefreddo, Alcantara e Santissima.

I fondi necessari ad attuare una fornitura alternativa a quella attuale sono previsti in 4.500.000 di euro mentre per il potenziamento del Montesanto é necessario, oltre ai 2.200.000 di euro originari, 1.100.000 di euro aggiuntivi. Le richieste dell’Amam, dopo la valutazione che sarà espressa dall’apposito tavolo tecnico, saranno inserite nel Masterplan per il quale, entro una ventina di giorni, saranno definite anche tutte le altre attività programmate in questi mesi che porteranno alla sua rimodulazione complessiva con l’obiettivo di sbloccare al più presto le ingenti risorse necessarie a generare lo sviluppo dell’economia dell’intero territorio metropolitano.

“E’ giunto il momento che la città si doti di un rifornimento idrico autonomo, stabile e soprattutto più economico rispetto a quello attuale – ha dichiarato il sindaco De Luca – in quanto i costi, soprattutto quelli energetici, per far giungere l’acqua sono enormi. La strategia è quella di individuare queste fonti alternative nel territorio di Messina e in zone limitrofe per abbattere i costi e rendere efficiente il servizio, garantendo a tutti i villaggi la fornitura di acqua 24 ore al giorno. Vogliamo chiudere con la fase della fornitura giornaliera ad orari limitati e, soprattutto, vogliamo evitare che in periodi particolari dell’anno, soprattutto con il sovraccarico estivo, ci siano momenti in cui l’acqua viene a mancare”.

L’Amam ha evidenziato che, nell’ambito del Masterplan, sta procedendo a velocizzare le procedure di appalto per l’adeguamento del depuratore di Mili che, nell’ambito del Masterplan, prevede un progetto di 10 milioni di euro finalizzato al rimodernamento del depuratore di Mili:

In tal senso gli interventi saranno suddivisi in due fasi: si partirà con la copertura delle vasche e l’installazione dei biofiltri per eliminare le emanazioni ab origine del depuratore; poi la pianificazione dell’eventuale impianto di compostaggio sarà demandata a quella che è la programmazione nell’ambito delle SRR e che potrà prevedere 7 milioni per l’impianto di trattamento della frazione umida.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.