23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.38
Palermo

Continua la desertificazione commerciale della città

Crisi: Mondadori chiude il punto vendita di viale Strasburgo a Palermo

12 Giugno 2018

Continua inesorabile il lento processo di desertificazione commerciale della città di Palermo che manda in fumo altri, seppur pochi, preziosi posti di lavoro. A chiudere stavolta non è un piccolo marchio storico locale, ma il punto vendita di Mondadori già da tempo in difficoltà. Si tratta di quello sorto nel 2017 all’interno dello store Oviesse di Viale Strasburgo in seguito alla cessione di ramo d’azienda del negozio di via Ruggiero Settimo proprio da parte di Mondadori in favore della società di abbigliamento.

Il colosso dell’editoria, alle prese con la crisi economica generale aggravata da quella attraversata dal settore, aveva deciso di cambiare strategia commerciale, passando dal megastore al piccolo corner. In quell’occasione dei 14 dipendenti in forza alla Mondadori 7 furono trasferiti senza soluzione di continuità ad Ovs, dove ancora oggi lavorano, mentre la restante parte fu reimpiegata. A distanza di solo un anno, tuttavia, i risultati delle vendite sono così negativi da costringere l’azienda a chiudere. Ai 6 dipendenti è stato proposto il trasferimento presso altri punti vendita del Centro Nord Italia.

“I trasferimenti proposti da Mondadori – dichiara Monja Caiolo, segretario generale Filcams Cgil Palermo in alternativa al licenziamento, non riteniamo possano essere una valida soluzione. Siamo stanchi di assistere alla fuga dalla città di grandi aziende nazionali e multinazionali: anche l’amministrazione comunale deve fare la propria parte per frenare un esodo che fa salire di continuo il tasso di disoccupazione, con un’età media che si abbassa sempre di più”.

Per Mimma Calabrò Segretario Generale Fisascat Cisl Sicilia “la comunicazione giunge come una doccia fredda. Non avremmo potuto immaginare che, a distanza di poco meno di un anno, Mondadori stravolgesse le proprie scelte commerciali comunicando il licenziamento dei 6 lavoratori impiegati nel cornerDispiace apprendere che un altro grande marchio, punto di riferimento nell’ambito dell’editoria per tutte le fasce d’età, decida di abbandonare la nostra città impoverendone l’offerta col rischio di lasciare disoccupati quei lavoratori che, da anni, vi lavoravano. Abbiamo già provveduro a richiedere l’esame congiunto per entrare nel merito della questione – conclude – e trovare soluzioni alternative ai licenziamenti, sapendo che l’eventuale proposta di trasferimenti creerebbe non pochi problemi alle famiglie e impoverirebbe sempre più il nostro territorio di risorse umane”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.