Crisi: Mondadori chiude il punto vendita di Viale Strasburgo a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

Continua la desertificazione commerciale della città

Crisi: Mondadori chiude il punto vendita di viale Strasburgo a Palermo

di
12 Giugno 2018

Continua inesorabile il lento processo di desertificazione commerciale della città di Palermo che manda in fumo altri, seppur pochi, preziosi posti di lavoro. A chiudere stavolta non è un piccolo marchio storico locale, ma il punto vendita di Mondadori già da tempo in difficoltà. Si tratta di quello sorto nel 2017 all’interno dello store Oviesse di Viale Strasburgo in seguito alla cessione di ramo d’azienda del negozio di via Ruggiero Settimo proprio da parte di Mondadori in favore della società di abbigliamento.

Il colosso dell’editoria, alle prese con la crisi economica generale aggravata da quella attraversata dal settore, aveva deciso di cambiare strategia commerciale, passando dal megastore al piccolo corner. In quell’occasione dei 14 dipendenti in forza alla Mondadori 7 furono trasferiti senza soluzione di continuità ad Ovs, dove ancora oggi lavorano, mentre la restante parte fu reimpiegata. A distanza di solo un anno, tuttavia, i risultati delle vendite sono così negativi da costringere l’azienda a chiudere. Ai 6 dipendenti è stato proposto il trasferimento presso altri punti vendita del Centro Nord Italia.

“I trasferimenti proposti da Mondadori – dichiara Monja Caiolo, segretario generale Filcams Cgil Palermo in alternativa al licenziamento, non riteniamo possano essere una valida soluzione. Siamo stanchi di assistere alla fuga dalla città di grandi aziende nazionali e multinazionali: anche l’amministrazione comunale deve fare la propria parte per frenare un esodo che fa salire di continuo il tasso di disoccupazione, con un’età media che si abbassa sempre di più”.

Per Mimma Calabrò Segretario Generale Fisascat Cisl Sicilia “la comunicazione giunge come una doccia fredda. Non avremmo potuto immaginare che, a distanza di poco meno di un anno, Mondadori stravolgesse le proprie scelte commerciali comunicando il licenziamento dei 6 lavoratori impiegati nel cornerDispiace apprendere che un altro grande marchio, punto di riferimento nell’ambito dell’editoria per tutte le fasce d’età, decida di abbandonare la nostra città impoverendone l’offerta col rischio di lasciare disoccupati quei lavoratori che, da anni, vi lavoravano. Abbiamo già provveduro a richiedere l’esame congiunto per entrare nel merito della questione – conclude – e trovare soluzioni alternative ai licenziamenti, sapendo che l’eventuale proposta di trasferimenti creerebbe non pochi problemi alle famiglie e impoverirebbe sempre più il nostro territorio di risorse umane”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin