19 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.30

La rottura

Crisi PD, Cracolici rilancia suo movimento: “Pensavano che il mio fosse un urlo isolato, invece…”

24 Febbraio 2018

«Un “fuoco di paglia”. Chi ha fatto spallucce di fronte alle proteste sollevate per la composizione delle liste del PD sperava che il mio voto contrario alla Direzione nazionale, l’unico voto contrario, fosse un urlo isolato che nel giro di pochi giorni sarebbe stato riassorbito dall’incalzare della campagna elettorale. E invece col passare dei giorni lo sconcerto è cresciuto a macchia d’olio, il malessere è andato ben oltre la scontentezza, una parte dei nostri elettori si è accorta di essere sempre più disorientata. I Partigiani del PD, i segretari dimissionari, i Circoli chiusi per dignità… e dall’altra parte candidati che neanche provano a recuperare il rapporto con i territori e si nascondono nelle gelaterie». Così il deputato regionale del PD Antonello Cracolici sul suo account Facebook.

«Stiamo assistendo – prosegue – ad un corto circuito che non riesce ad essere sanato, malgrado la pericolosità di una destra aggressiva e di un populismo inconcludente. Tutto questo avrebbe meritato una battaglia politica decisa e invece la cartina di tornasole delle liste ha reso esplicita la crisi di un PD che ha smarrito la sua funzione di rappresentanza di una parte della società siciliana, e non solo. Il centrosinistra diviso appare fuori gioco, ed il principale attore del centrosinistra stenta ormai perfino ad essere “riconosciuto” da una parte dei suoi elettori. Insomma, il PD più che essere un partito di contenuti appare un contenitore con la sola ambizione di mutare geneticamente se stesso.

So quanta sofferenza sta provocando in migliaia di militanti questa situazione, l’essere costretti a balbettare piuttosto che impegnarsi anima e corpo in campagna elettorale. Non so quale sarà l’esito del voto del 4 marzo. Una cosa però mi è chiara: non basterà un congresso a risolvere i problemi che il PD ha davanti a sé, e non saranno di certo le percentuali delle singole aree che ridaranno un’anima al partito, in Sicilia e in Italia.

O si ricostruirà, se ci saranno le condizioni, la casa degli uomini e delle donne del centrosinistra nel rispetto sacro delle sensibilità, oppure un contenitore dedito al trasformismo non servirà a restituire al PD una prospettiva politica.

Io farò la mia parte: subito dopo il 4 marzo rimetterò in cammino l’associazione DEMOS, Democratici Siciliani, insieme con quanti vorranno ridare senso alla politica e ricostruire una speranza per un centrosinistra competitivo, coerente con la propria storia e capace di interpretare la domanda di rinnovamento della nostra società e della nostra gente. Lo devo a me stesso, alla nostra storia, ai tanti amministratori che svolgono con onestà e dedizione il loro ruolo forse nel momento più difficile della vita pubblica di questo Paese. Sarà una sfida difficile, ma al tempo stesso entusiasmante. Sarà un nuovo inizio. Altro che un “fuoco di paglia”…»

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.