Crisi, precariato e boom di voucher. Siciliani tra i più poveri in Italia :ilSicilia.it
Palermo

I dati contenuti nell'ultimo rapporto della Fondazione Res

Crisi, precariato e boom di voucher. Siciliani tra i più poveri in Italia

di
16 Febbraio 2017

Dopo l’aumento del Pil nel 2015 di +2,1%, le nuove stime prevedono un margine più modesto ma ancora positivo in Sicilia per il 2016 pari a +1,3% e per il 2017 del +1%. Sono questi alcuni dei dati contenuti nel numero I/2017 di CongiunturaRes, l’osservatorio congiunturale della Fondazione Res, 15° rapporto in 8 anni, presentato a Palermo.

 

Fondazione RESLa lentezza della crescita si riflette sulla debolezza del tessuto produttivo dell’isola, in calo dal 2007 al 2014, e sulla creazione di lavoro. La disoccupazione mostra un lievissimo calo: il tasso era del 21,4% nel 2015, scende al 21,2% nel 2016 e dovrebbe attestarsi al 20,9% nel 2017, dato sempre tra i peggiori in Italia. “In sostanza – spiegano gli analisti Res – la crescita debole non produce lavoro e quando lo fa spesso è precario”.

In Sicilia il panorama delle assunzioni formali nel 2016 vede una diminuzione dei contratti a tempo indeterminato del 27,2% e una ripresa dei contratti a termine del 7,7%: categoria prevalente con il 60% circa delle nuove assunzioni. In aumento i contratti in apprendistato (+88,4%), a volumi decisamente più modesti. In tema di precariato va sottolineato il ruolo dei voucher, buoni di lavoro per pagare il lavoro occasionale accessorio, che in realtà si sono rivelati, soprattutto in Sicilia, anche un veicolo di diffusione di forme di lavoro irregolare. Nel 2016 (intero anno) sono stati venduti in Italia 133,8 milioni di voucher (fonte: Inps) del valore nominale di 10 euro, con un incremento, rispetto al 2015, del 23,9%; in Sicilia l’aumento è stato del 31,6%, con oltre 3,4 milioni di voucher venduti.

 

voucherLe famiglie siciliane, inoltre, sono le più povere in Italia: hanno un reddito inferiore del 29% rispetto alla media nazionale e la crisi ha alimentato le diseguaglianze economiche e sociali.

In Sicilia la crisi economica degli anni 2008-2015 ha alimentato le diseguaglianze economiche e sociali. La distanza tra ricchezza e povertà aumenta e la crisi ha approfondito i divari, ampliando l’area del disagio e rendendo le classi sociali sempre più distanti. Nel Mezzogiorno – e soprattutto in Sicilia – i fenomeni risultano più accentuati. La povertà relativa colpisce nell’isola l’11,7% delle famiglie (6,1% nella media nazionale) e il 10,8% delle persone (media nazionale 7,6%). Anche la povertà assoluta è cresciuta negli anni, raggiungendo in Sicilia livelli massimi: secondo stime Res, circa 260 mila famiglie e oltre 720 mila persone, su una popolazione di poco più di cinque milioni di abitanti. La povertà colpisce soprattutto le fasce più deboli, giovani fino a 35 anni e gli over 65, ed è solo in parte compensata dalla presenza di meccanismi di “welfare familiare”.

Il fenomeno è più accentuato nelle grandi città che nei centri minori e per le famiglie di maggiore ampiezza. L’incidenza della povertà risulta in aumento anche fra le persone dotate di un titolo di studio anche di livello superiore, segnalando la crescente difficoltà di trovare una posizione lavorativa e una remunerazione sufficienti per un dignitoso standard di vita. Oltre che tra i disoccupati e le persone in cerca di lavoro, il disagio cresce anche fra le persone che hanno già un lavoro, con il deterioramento relativo e la precarizzazione delle loro condizioni reddituali. Il fenomeno risulta relativamente più evidente e in maggiore accelerazione per le fasce degli impiegati, quadri e dirigenti e coinvolge persino il pubblico impiego, categoria molto ampia nell’Isola. La distanza fra i redditi è aumentata all’interno della regione e rispetto alle altre aree del Paese.

Il reddito medio familiare (21.800 euro) e quello mediano (17.900 mila euro) sono i più bassi a livello nazionale (29% al di sotto la media) e il 50% delle famiglie in Sicilia vive con meno di 1.500 euro al mese. L’indice di diseguaglianza dei redditi, dato dal rapporto fra le somme percepite dal 20% superiore della popolazione e i redditi ricevuti dal 20% inferiore, agli estremi della distribuzione, è salito in Sicilia fra il 2008 e il 2015 da 5,7 a 8,3: l’ammontare dei redditi dei più ricchi è oltre otto volte superiore a quello dei più poveri.

 

Il principale sostegno alla crescita, secondo il rapporto della Fondazione Res, sarà offerto anche nel 2017 da un aumento della produzione e delle esportazioni (+5,2%) e da una modesta ma evidente ripresa degli investimenti produttivi (+2,5% in complesso, macchinari e attrezzature +4%), che dovrebbero contribuire positivamente al rafforzamento della crescita e della competitività del sistema. La domanda delle famiglie, non cedente (+0,9%), dovrebbe mantenersi sui livelli attuali. La bassa crescita del reddito continua a rappresentare il principale fattore di contenimento della spesa privata. I consumi pubblici, vincolati dalle stringenti difficoltà finanziarie delle amministrazioni, continuano da anni a segnare il passo. Nel 2017 il tasso di crescita della domanda al dettaglio dovrebbe registrare livelli di poco inferiori a quelli dell’anno precedente, attestandosi a fine anno intorno allo 0,9% e in linea con l’incremento atteso del Pil, assicurando la tenuta di fondo dell’economia. La tendenza dovrebbe confermarsi nel 2018, a ritmi leggermente superiori. La leggera flessione dei prezzi al consumo delle principali voci di spesa delle famiglie continua a garantire nella regione il mantenimento del potere d’acquisto reale dei redditi. In termini di spesa corrente, i consumi pubblici rimangono sostanzialmente invariati in ogni voce di spesa delle amministrazioni nel 2016 e, in prospettiva, nel biennio ormai in corso.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin