Crisi Sale Cinematografiche, Ueci: "Decreto Finestre Franceschini duro colpo, è un favore ai Broadcaster" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Crisi Sale Cinematografiche, Ueci: “Decreto Finestre Franceschini duro colpo, è un favore ai Broadcaster”

di
29 Marzo 2022

Il decreto Finestre Franceschini è l’ennesimo schiaffo alla Sala Cinematografica. Le Sale oltre ad essere la categoria più colpita durante la pandemia e anche dopo la fine dello stato di emergenza con ancora l’obbligo del green pass e la mascherina obbligatoria“. A dichiararlo è Manuele Ilari presidente Ueci Unione Esercenti Cinematografici Italiani.

Oggi il Ministro Franceschini annuncia un decreto finestre di soli 90 giorni, addirittura peggiorativo di quello del Ministro Bonisoli che prevedeva 105 giorni. Una decisione che ci vede totalmente contrari e che è lontanissima dalla necessaria tutela del Cinema e delle Sale prevista da altri Paesi Europei. Ci basti guardare la Francia dove le finestre sono obbligatorie per un periodo non inferiore a 12 mesi. Siamo in Europa solo quando ci fa comodo?

Questo il Governo lo deve spiegare alle migliaia di aziende che hanno investito i loro patrimoni negli immobili che a causa di questo decreto killer rischia di far chiudere definitivamente le sale cinematografiche con una perdita di diverse migliaia di posti occupazionali. Anche a seguito dei tavoli di confronto e apertura non ci aspettavamo un decreto che è un vantaggio ai Broadcaster e alle imprese straniere che colpiscono la nostra economia e il nostro tessuto sociale solo a vantaggio del profitto. Forse al Ministro neanche questa maledetta guerra ha fatto cambiare idea sulla necessità di valorizzare il cinema vero, quello delle sale con il tessuto delle imprese italiane come gli esercenti cinematografici il tessuto delle sale nei territori. Esercenti peraltro appunto colpiti anche dal caro energia“.

Siamo imprese Italiane e dobbiamo essere tutelate dallo Stato e dai parlamentari che abbiamo eletto e questo Decreto è bene ribadirlo è invece contrario al nostro modello culturale europeo delle sale cinematografiche e delle città come luoghi sociali, e il solito ‘favore’ alle televisioni e alle Conpagnie straniere, con l’idea del cittadino consumatore individuale chiuso dentro casa“.

“Un grave errore – conclude il predidente Ueci Unione Esercenti Cinematografici Italiani –. Peccato. Per quanto ci riguarda faremo il possibile in tutte le sedi per ripristinare almeno il Decreto Bonisoli e chiedere con forza una norma per le finestre di sfruttamento sia per i prodotti italiani che stranieri in linea con quella Europea e Francese“.

Infine, Eugenio Siviglia, presidente regionale UECI Sicilia dichiara inopportuno ridurre le finestre a 90 giorni meno del decreto Boninsoli: “Si tratta di una decisione non solo scandalosa per un settore fortemente in crisi come quello del cinema, ma anche mortificante per gli esercenti stessi”. Siviglia auspica ad un cambio di decisione da parte del Ministero: “E’ urgente definire le finestre anche per i film internazionali, oltre che per quelli italiani. Bisogna adeguarsi subito alla linea Europea, se in Europa siamo“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.