Crocetta ospite a "Bar Sicilia": "Non sono stato mai sentito dai pm sul caso Montante" | Video :ilSicilia.it

La rubrica della domenica

Crocetta ospite a “Bar Sicilia”: “Non sono stato mai sentito dai pm sul caso Montante” | Video

di
9 Dicembre 2018

 

Guarda in alto il video della quarantesima puntata

Bar Sicilia” oggi, domenica 9 dicembre, giunge alla quarantesima puntata. La rubrica della domenica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione ha ospite l’ex presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta.

L’ex governatore sottolinea come, sulla vicenda Montante che avrebbe visto in Sicilia l’esistenza di un sistema di potere, non abbia avuto alcuna responsabilità e alcun ruolo. Nega che Confindustria abbia imposto nomi nel suo governo, dando semmai indicazioni, espressioni, sottoposte comunque sempre al gradimento dello stesso presidente e ricorda come questo avveniva anche con i precedenti governi regionali. Nega, inoltre, di aver fatto parte di un “sistema” e di avere mai ricevuto soldi grazie ad Antonello Montante e “quelli che ho ricevuto da altri imprenditori erano sempre tracciati e mai in nero”.

Da Montante ho ricevuto in dono soltanto una scatola di torroni”. Crocetta afferma, inoltre, di non essere mai stato sentito dalla magistratura che conduce le indagini, nonostante lui stesso figuri fra gli indagati: “Non ho avuto il privilegio di essere stato ancora ascoltato”. 

Per quanto riguarda la sua collocazione politica, ricorda di essere sempre militante del Pd, ma rivela che alle primarie del partito in Sicilia non voterà né per Davide Faraone e nemmeno per Teresa Piccione: “Io non mi sono mai consegnato a Renzi e per questo l’ho pagata amaramente. Per il mio profilo istituzionale di ex presidente della Regione e di militante da sempre, preferisco restare super partes in mezzo a tutte queste divisioni. Non mi piace un partito per correnti e per questo non voterò per nessuno”. 

Infine, un affondo contro l’attuale governo nazionale guidato da Lega e Cinquestelle: “Oggi non si vedono ancora le conseguenze del loro governo, ma presto si vedranno, per cui credo che la demagogia possa funzionare da qui a giugno e che in futuro per il centrosinistra ci sia ancora spazio per un’azione politica”.

 

Buona visione con la quarantesima puntata di Bar Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin