Crocetta show da Giletti: accusa tutti e suscita un vespaio di polemiche | VIDEO :ilSicilia.it

vespaio di polemiche in tv

Crocetta show da Giletti: accusa tutti e suscita un vespaio di polemiche | VIDEO

di
30 Settembre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Rosario Crocetta ospite ieri sera da Massimo Giletti a Non è l’Arena ha parlato – tra le altre cose – del buco di bilancio accertato dalla Ragioneria Generale. L’ex presidente della Regione Siciliana ha attaccato l’attuale assessore all’Economia: “L’ha creato Gaetano Armao, hanno incrementato le spese e hanno prodotto quel buco”.

Pronta la replica di Armao, che su Facebook posta la nota foto di Crocetta a mare: Un personaggio da spiaggia come Crocetta, senza vergogna e dignità istituzionale, per cancellare il disavanzo da 2,5 miliardi € che ci hanno scaricato, mi attacca dicendo il falso sul bilancio del 2012: approvato dal suo partito, parificato dalla Corte dei conti, rispettando il patto di stabilità, e dopo una riduzione della spesa apprezzata dal Governo Monti. Martedì si terrà una conferenza stampa sui risparmi conseguiti. Uno che ha svenduto la Sicilia con accordi capestro, portato al ridicolo la credibilità della Regione, disamministrato provocando disastri che ci affliggono ogni giorno, favorito l’ingerenza di poteri occulti a causa dei quali è indagato per gravi reati, condannato dalla Corte dei conti, si permette di parlare. Una cialtronata che spiace sia stata tollerata da Giletti e da “la 7” in totale assenza di contraddittorio, insieme ad una serie di castronerie sulla Sicilia (come quella sui dipendenti o su strade e ferrovie che sono a vergognosa gestione dello Stato). Sulla vicenda dei vitalizi, non percepiti, né percepibili dai non parlamentari, preferisco non esprimermi, ma occorre una decisione seria”.

Eppure pochi giorni fa lo stesso Armao aveva ammesso che “la genesi del maggior disavanzo va fatta risalire a  due operazioni per importi consistenti avvenute nel 2004 e nel 2009”, periodo in cui erano in carica i governatori Totò Cuffaro e Raffaele Lombardo (durante l’era Lombardo l’assessore all’Economia era proprio Armao).

Crocetta poi ha aggiunto in tv: “Io ho cercato di cambiare delle cose mi sono imbattuto in un sistema terribile però quando ci sono dei giornalisti che ci criticano dobbiamo essere grati perché un sistema democratico senza le critiche non cresce”. Su questo punto è intervenuta Tania Pontrelli, dirigente regionale di #DiventeràBellissima, che su Twitter replica a Crocetta dicendo di parlare del “Sistema Montante”.

Un’accusa respinta al mittente dallo stesso Crocetta che a ilSicilia.it replica “Qualcuno forse mi ha chiesto del sistema Montante? Non lo ha fatto nessuno”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin