Crocetta lancia il "Modello Sicilia" per i rifiuti. "I fondi dal Patto per il Sud" [Video] | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Parola d'ordine rafforzare la differenziata. E si punta anche sul riciclo intelligente

Crocetta lancia il “Modello Sicilia” per i rifiuti. “I fondi dal Patto per il Sud” [Video]

di
27 Gennaio 2017

Un modello Sicilia per uscire dall’emergenza rifiuti. Questa la ricetta del governatore Rosario Crocetta che oggi, in conferenza stampa congiunta con l’assessore Vania Contrafatto, ha snocciolato dati e progetti del “sistema”. “Questo governo si è caricato tutto sulle spalle – ha detto il presidente – e quest’estate non abbiamo dichiarato lo stato di emergenza. Ma nessuno può negare che l’emergenza c’era ma non è stata riconosciuta. E qualcuno ipotizzava che il mio governo sarebbe caduto sui rifiuti. Vedo nella svolta ambientale dei rifiuti un modello per la Sicilia e non vogliamo essere prigionieri dei termovalorizzatori“.

discarica-rifiuti-bellolampo-535x300Poi, un fiume di dati. “In Sicilia la differenziata è passata dal 15,41% di giugno al 21,05% di oggi. Parliamo di un dato straordinario, se paragonato al dato di giugno quando è scoppiata l’emergenza registriamo un +6%. Questo dato è il frutto del lavoro fatto e delle ordinanze emanate in questi mesi – spiega –  e i  vantaggi avuti dalla crisi estiva sono la nostra intuizione sull’impiantistica mobile, che ci ha fatto risparmiare soldi consentendo un abbattimento dai costi, e la differenziata“.  Crocetta ha quindi accennato all’ipotesi i costituire un “Ufficio speciale per la differenziata” e della necessità di eliminare carrozzoni “come gli ex Ato”. Ma si può fare di più: “Il dato della differenziata  registra un incremento importante ma non è soddisfacente, si coglie una differenziazione da città a città e di comportamenti abbastanza difformi tra città di territori abbastanza vicini. Nei casi dove i livelli di differenziata sono bassissimi significa che non c’è uno sforzo da parte delle amministrazioni locali a non affrontare il problema e su questo noi non faremo sconti“. “Nei casi di inadempienza – ha sottolineato – dobbiamo mettere in campo un’azione sostitutiva e agire da commissari”, “Il mio è un appello a intervenire con forza da parte delle amministrazioni, noi siamo intervenuti più volte per imporre una tassa ai comuni inadempienti, ma questa legge non è mai potuta approdare all’Ars, ogni volta è stata bloccata“.

Quali le proposte pratiche? “Puntiamo sul modello della inertizzazione del rifiuto, e cioè sulla trasformazione del il rifiuto in un prodotto riutilizzabile. E’ una vera operazione di riciclo di massa, senza differenziata, per evitare che il ciclo dei rifiuti avvenga attraverso un sistematico abuso del conferimento in discarica. Pensiamo alla produzione di impianti compost, a impianti di biostabilizzazione mobile. Con il processo di inertizzazione finale del composto trattato con calce, cemento o argilla si può trasformare una tonnellata di rifiuto in una mattonella“.  Per Crocetta si tratta di un sistema a ‘basso costo’ e che le risorse per metterlo a regime sono previste nel patto per il Sud con la Regione siciliana, e che potrebbe essere realizzato nell’arco di un trimestre, per scongiurare che nell’Isola una nuova emergenza rifiuti, come avvenuto nei mesi estivi. “Verificheremo la possibilità di utilizzare questo sistema di inertizzazione nell’industria” ha aggiunto Crocetta, secondo cui il rifiuto trasformato “potrebbe essere utilizzato per finalità di recupero ambientale”. Poi riferendosi al sistema delle Società di regolamentazione del servizio di gestione dei rifiuti (Srr) che stenta a decollare ha ipotizzato tre scenari per mettere a regime il sistema: “disciplinare la materia con ipotesi legislativa, anche se si dice preoccupato dei tempi con cui potrebbe vedere la luce, nominare dei commissari ad acta nelle Srr con compiti specifici, o in alternativa definire dei protocolli di intesa tra la Regione e le società”.

gianfranco_zanna-535x300Vorremmo cercare di risolvere questo problema ci ragioneremo, abbiamo di fronte questo possibile scenario, non escludo un brainstorming collettivo con la presidenza e l’assessorato ai Rifiuti – conclude -. Dobbiamo avere uno scatto di coraggio, se pensiamo che il sistema si risolve dal basso finiremmo travolti da una montagna di rifiuti”. Ma a margine della conferenza stampa arrivano le prime polemiche, targate Legambiente: “Raccolta differenziata, riuso e riduzione delle emissioni, una scoperta di fine mandato”, sottolinea Gianfranco Zanna, presidente Legambiente Sicilia. “Praticamente a fine mandato, il governatore Crocetta scopre che l’unico modo per evitare il ripetersi dell’emergenza rifiuti è il modello centrato sulla raccolta differenziata, il riuso e la riduzione delle emissioni. Prendiamo atto della buona volontà, anche se decisamente tardiva. Sono anni che ripetiamo sempre le stesse cose e anni che i governi regionali fanno orecchie da mercante. Si è perso solo tempo e riteniamo difficile che l’Ars approvi il nuovo ddl in tempi brevi. Sul fronte dei risultati della differenziata ci stupisce l’esultanza di Crocetta, considerato che le percentuali sono ancora risibili”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro