Crocetta vede Renzi, verso il ritiro della candidatura :ilSicilia.it

Il presidente della regione verso il sostegno a Micari

Crocetta vede Renzi, verso il ritiro della candidatura

4 Settembre 2017

Il presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta ha incontrato il leader del PD Matteo Renzi al Nazareno e chiude così l’accordo che porterà a una candidatura unitaria in Sicilia. “Mi prendo 18 ore per sentire i miei“, spiega il presidente siciliano che si dice disposto a rinunciare alla candidatura a governatore e alle primarie: “Non sono uno che sfascia tutto”. Il movimento di Crocetta dovrebbe presentare liste a sostegno del candidato del centrosinistra, il rettore Fabrizio Micari.

“Ho incontrato Renzi – ha aggiunto Crocetta, uscendo dal Nazareno accompagnato dal segretario regionale d Fausto Raciti – gli ho esternato le mie preoccupazioni per una candidatura poco conosciuta e gli ho illustrato i risultati del mio governo. Ma siamo troppo avanti per le primarie e a questo punto rischierei di non avere candidature alternative. Non sono uno sfasciatutto, la politica sfascista non mi ha mai interessato, voglio passare alla storia come il primo esponente che viene dalla storia del Pci che ha vinto le elezioni in Sicilia, non come colui che l’ha fatte perdere”.

“Domani discuterò con i miei, perché non decido da solo”, aggiunge. E spiega di non aver “negoziato nulla, nessun ticket” per ritirare la candidatura e sostenere con il Pd Micari. “Presenterò le liste del mio movimento in Sicilia. Il mio è un atto di amore, senza odio. Ce ne fossero altri come me”.

Si svolgerà domani sera la direzione regionale del Pd per ufficializzare la candidatura di Fabrizio Micari alla presidenza della Sicilia. Alla riunione, a quanto si apprende, saranno presenti il segretario regionale Fausto Raciti e, per il Nazareno, Lorenzo Guerini. L’incontro si terrà all’Hotel delle Palme a Palermo.

 

LE REAZIONI

Cracolici: “bene intesa con Crocetta su candidatura di Micari, ora uniti per arginare populismi”

“Sono molto contento per l’esito positivo dell’incontro a Roma tra Rosario Crocetta e il Pd. La decisione di convergere e di costruire una coalizione forte, ci fa superare le incertezze della vigilia e conferma l’utilità dell’ iniziativa portata avanti un questi giorni, anche grazie al lavoro caparbio del segretario regionale del Pd Fausto Raciti, per rivendicare la necessità di un accordo largo che comprendesse il contributo del presidente Crocetta”. Lo ha detto l’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici  a proposito della notizia di un’intesa Sulla candidatura del rettore dell’Università di Palermo Fabrizio Micari.

” Un grande risultato che rafforza il centrosinistra in Sicilia e lo schema che vede nella convergenza tra progressisti, riformisti e moderati, una proposta politica competitiva. Adesso abbiamo le carte in regola per sostenere insieme una candidatura di altissimo livello alla presidenza della regione e scongiurare il rischio di consegnare la Sicilia ai populismi rappresentati dal Movimento 5 stelle e dal centrodestra a trazione fascista. Nella terra dell’accoglienza e della tolleranza, il fatto che il presidente della regione siciliana rischi di essere il presidente più di destra che l’Italia possa esprimere rappresenta un’ipotesi agghiacciante”.

 

Tag:
Cultura
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.