Crolla una palazzina a Catania. Esplosa una bombola, morta una donna [Gallery] [Video] :ilSicilia.it
Catania

La donna si chiamava Agata Strano e aveva 85 anni

Crolla una palazzina a Catania. Esplosa una bombola, morta una donna [Gallery] [Video]

di
26 Febbraio 2017

Un’anziana morta e quattro feriti, di cui due gravi: è questo il bilancio del crollo della palazzina di tre piani, avvenuta stanotte nel centro di Catania. A causare il crollo potrebbe essere stata una fuga di gas. La vittima aveva 85 anni. I feriti più gravi sono una bambina marocchina di 10 mesi, in coma farmacologico all’ospedale Garibaldi Nesima di Catania, e un uomo ustionato (probabile che si trovasse vicino alla bombola esplosa) ricoverato all’ospedale Civico di Palermo.

Si chiamava Agata Strano, l’anziana di 85 anni, vittima del crollo della palazzina in via Crispi, a Catania. La donna, pensionata, viveva sola al secondo piano dell’edificio. Il corpo della vittima e’ stato trasportato all’obitorio dove sarà eseguita l’autopsia. Secondo la testimonianza di alcuni vicini, dalla sua abitazione, al primo piano, provenivano rumori tipici di lavori domestici e c’era odore di gas. La Procura di Catania ha aperto un’inchiesta per disastro colposo. Il procuratore Carmelo Zuccaro ha disposto il sequestro dell’immobile. Indaga la polizia.

Gli altri due feriti, non in condizioni gravi, sono ricoverati all’ospedale di Lentini, nel Siracusano. La bambina ferita, figlia di un marocchino (che non era a casa al momento dell’incidente) e di un’italiana, ha riportato una frattura e diversi traumi. A un controllo neurologico ha risposto comunque con movimenti spontanei degli arti. Nella palazzina vivevano sei famiglie. L’esplosione si è registrata intorno alle 2,30 della notte. Sul posto sono intervenute diverse squadre di Vigili del Fuoco, oltre a Polizia, carabinieri e 118. Al momento, non ci sono dispersi ma i soccorritori sono ancora al lavoro per escludere eventuali altre persone coinvolte.

Le condizioni della bambina ricoverata presso il Garibaldi di Nesima a seguito dell’esplosione avvenuta la scorsa notte in via Francesco Crispi a Catania “sono stabili e non hanno subito alterazioni rispetto a quanto comunicato in mattinata. In serata comunque la piccola paziente sarà comunque sottoposta a ulteriore Tac di controllo per stabilire le attuali condizioni encefaliche“. Lo rende noto lo stesso ospedale Garibaldi nel bollettino medico.

“Gli sfollati per il crollo della palazzina di via Crispi saranno ospitati in un albergo di via Etnea, e saranno accuditi con ogni attenzione, come è giusto che si faccia in questi casi”. Lo ha detto il sindaco di Catania, Enzo Bianco, dopo un sopralluogo sul posto. “La bambina l’ho vista – ha aggiunto il sindaco parlando della piccola ferita dalla macerie – c’è una prognosi riservata per le ferite alla testa, ma c’è un piccolo segnale di speranza. Alle 19 ci sarà bollettino medico. La piccola è di una tenerezza straordinaria: ha 10 mesi… Sono stato a lungo con la madre. Speriamo – ha auspicato il sindaco – che ci facciano la grazia che si salvi. Si tratta della prima figlia della donna e sarebbe veramente bello potere superare questo bruttissimo trauma”.

carmelo-zuccaro“Al momento non possiamo escludere alcunché. Neanche quale sia lo strumento che ha innescato l’esplosione. Potrebbe essere stata una bombola, ma neppure di questo abbiamo certezza. Stiamo cercando di approfondire tutti i fatti”. Lo ha detto il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro (nella foto a lato) sulla deflagrazione. Sull’inchiesta aperta per disastro colposo il procuratore, a margine di una conferenza stampa su un’operazione anti estorsione, ha spiegato che “è una delle ipotesi. L’altra potrebbe essere la volontarietà del fatto, cosa che – ha sottolineato Zuccaro – renderebbe più assurda ancora questa vicenda che già è così grave. Non appena avremo notizie sicure – ha osservato il magistrato – e stiamo predisponendo una consulenza, ve le faremo sapere”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin