Crolli e dissesto idrogeologico, Musumeci: "Interverremo a Licata e alla Scala dei Turchi" :ilSicilia.it
Agrigento

Parla il governatore della Sicilia

Crolli e dissesto idrogeologico, Musumeci: “Interverremo a Licata e alla Scala dei Turchi”

2 Dicembre 2019

Siamo intervenuti e torneremo a farlo. La natura geologica della roccia, pare che non ci aiuti. Dobbiamo capire quanto questo fenomeno di sgretolamento sia compatibile con l’uso e con l’occupazione di quell’area da parte dei bagnanti e dei turisti“, a dirlo, in merito ai distacchi verificatisi alla Scala dei Turchi a Realmonte (Ag), il presidente della Regione, Nello Musumeci, ad Agrigento dove ha incontrato il personale regionale negli uffici del Genio civile, della Soprintendenza ai Beni culturali e della Protezione civile.

Per 30, 40, 50 anni, il territorio è rimasto un argomento tabù. Stiamo spendendo centinaia di milioni di euro, serviranno 2 miliardi almeno per poter tentare di mettere in sicurezza il territorio dell’isola – ha spiegato Musumeci – Per il dissesto idrogeologico facciamo 2, 3 gare d’appalto al giorno, però non basta. Purtroppo non basta“.

Poi spostandosi verso Licata afferma “Il denaro per Licata lo abbiamo a disposizione. Abbiamo anche dato un incarico per lo studio idraulico. A Licata bisogna intervenire in maniera definitiva per evitare che la foce del Salso possa inondare una parte del centro abitato. Se poi il vice ministro vuole fare un accordo con la Regione perché vuole mettere altri soldi, saremo felicissimi di poterlo fare. L’importante è che ci dia una mano d’aiuto“. Lo ha detto il presidente della Regione, Nello Musumeci, in visita ad Agrigento.

Il governatore ha fatto riferimento alle dichiarazioni – rilasciate a Licata quando è stato in visita assieme al ministro Luigi Di Maio – del vice ministro alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri. Il sottosegretario aveva detto che erano stati “trovati nei cassetti della Regione la somma di 30 milioni da spendere per il dissesto idrogeologico per il territorio di Licata che erano stati dimenticati dalla Regione“.

Fra 10 giorni avremo lo studio idraulico – ha spiegato Musumeci – e quindi pubblicheremo il bando per lo studio definitivo. Bisogna lavorare non solo per evitare che l’acqua arrivi abbondante alla foce, ma bisogna lavorare per isolare in maniera definitiva alcuni quartieri del centro abitato dall’alveo del Salso che, in alcuni tratti, non è particolarmente profondo e quindi non è assolutamente sicuro“.

LEGGI ANCHE:

La Scala dei turchi cade a pezzi, decine i crolli nelle ultime ore | VIDEO

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.