Crollo al mercato ittico, il Comune di Palermo: "Dobbiamo chiuderlo" :ilSicilia.it
Palermo

Cedimento strutturale di una pensilina

Crollo al mercato ittico, il Comune di Palermo: “Dobbiamo chiuderlo”

9 Aprile 2019

Chiuso il mercato ittico di Palermo in seguito al cedimento strutturale di una pensilina. La chiusura temporanea è stata disposta dal Comune.

Ecco quanto si legge in una nota di Palazzo delle Aquile: “A causa del cedimento strutturale della pensilina del mercato ittico, dopo i sopralluoghi effettuati con la Protezione civile e l’ufficio Città Storica, è stata disposta la chiusura temporanea dell’intera area mercatale fino alla messa in sicurezza di tutta l’area, al fine di non incorrere in nessun rischio per tutto il personale operante all’interno dell’area e per gli avventori del mercato”.

Da domattina una ditta incaricata provvederà ai lavori urgenti indicati dai tecnici per la messa in sicurezza dell’area. Nel frattempo tutte le attività di vendita sono momentaneamente sospese. La chiusura dovrebbe protrarsi fino a venerdì.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona