Crisi delle Banche in Sicilia. Armao: "Pronti 200 milioni per sostenere il credito" | VIDEO :ilSicilia.it

Risorse destinate a Irfis e confidi

Crisi delle Banche in Sicilia. Armao: “Pronti 200 milioni per sostenere il credito” | VIDEO

29 Maggio 2018

Ammonta a 200 milioni di euro la somma impegnata dalla Regione Siciliana per sostenere il sistema del credito nell’Isola.

Lo ha detto l’assessore regionale all’economia, Gaetano Armao, in occasione della presentazione del Rapporto “Banche con sedi in Sicilia e Operatività Regionale del Sistema Bancario”. Di questi 130 sono già stati stanziati nell’ultima finanziaria, approvata le scorse settimane dall’Ars, mentre 70 provengono dalla programmazione comunitaria e verranno sbloccati attraverso un accordo con il Ministero dell’economia e delle finanze che verrà siglato nei prossimi giorni.

Le risorse verranno utilizzate in parte per il rafforzamento patrimoniale dell’Irfis, la finanziaria della Regione, e in parte saranno destinate ai confidi, i consorzi di garanzia collettiva dei fidi. L’obiettivo è quello di facilitare l’ottenimento di prestiti, da parte delle imprese e delle famiglie, reso sempre più difficile dalla precarietà della situazione economica e da quella vissuta da molte banche alle prese con programmi di contenimento dei costi e di riduzione delle sofferenze, ovvero di quei crediti la cui riscossione non è certa.

Una tendenza confermata dai numeri del Rapporto. E’ significativo, infatti, che a fronte di un aumento dei depositi le somme impiegate, ovvero dei finanziamenti concessi, a favore di aziende e persone fisiche siano calate. Tra il 2016 e il 2017 i primi sono cresciuti da 58.3 a 59 miliardi di euro, mentre le seconde sono scese da 64 a 61 miliardi. Ciò ha fatto migliorare il rapporto tra sofferenze e impieghi, passato dal 17.3% al 14.8%, anche se tale diminuzione non ha consentito al sistema bancario siciliano di raggiungere la media nazionale del 9.5%.

Lo stesso andamento è stato rilevato prendendo in considerazione il mondo delle imprese. Anche in questo caso si è assistito ad un calo degli impieghi di ben 3 miliardi di euro, da 27.5 a 24.5. Le banche, quindi, hanno tirato la cinghia e allo stesso tempo hanno ridotto le sofferenze, da 7.8 miliardi a 6.1 miliardi, tanto da far passare il rapporto sofferenze/impieghi dal 28.3% al 24.7%. Un dato, quest’ultimo, che mette il sistema bancario siciliano in linea con quello nazionale del 23.7%.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.