Cruillas: dopo tredici anni il Comune mette in sicurezza via Amorelli | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

A seguito della diffida dei consiglieri del M5s

Cruillas: dopo tredici anni il Comune mette in sicurezza via Amorelli

20 Marzo 2019

Dopo tredici anni il Comune di Palermo avvia le procedure per la messa in sicurezza di via Alfonso Amorelli a Cruillas, a seguito della diffida presentata dalla consigliera della sesta circoscrizione del M5S, Daniela Tumbarello, e dai consiglieri comunali Viviana Lo Monaco e Antonino Randazzo, che hanno evidenziato come dal 2006 non ci sono stati interventi risolutivi del problema da parte dell’Amministrazione.

Il 18 marzo 2019, con una nota” segnalano i consiglieri del M5S, “l’Ufficio infrastrutture e servizi a rete del Comune ha invitato l’ufficio Mobilità a ripristinare il divieto di transito su tutta la via Amorelli e il Coime a posizionare new jersey per inibire l’accesso ai veicoli”.

Le precarie condizioni statiche del canale Mortillaro sottostante la via Amorelli sono ben note all’Amministrazione Comunale dal 2006” dice la consigliera Tumbarello.

L’unico intervento finora posto in essere, con un’ordinanza, era stata l’istituzione di un divieto di transito alle auto, poi revocato senza che fosse stato posto in essere alcun rimedio per evitare conseguenze in caso di cedimento delle strutture. Rischio evidenziato dalla relazione del 22 giugno 2006 redatta da tecnici esterni ed interni all’Amministrazione comunale” aggiunge la Tumbarello.

A seguito delle segnalazioni di diversi residenti di Cruillas, e dopo aver acquisito la documentazione, abbiamo diffidato l’Amministrazione ad intervenire con la massima urgenza” aggiungono Tumbarello, Lo Monaco e Randazzo.

La soluzione del problema non era quindi il rifacimento dell’asfalto di via Amorelli ma l’intervento sulle strutture al di sotto di esso. Sulla via Amorelli ci sono diversi edifici residenziali e un istituto scolastico”.

“Per noi del M5s la priorità sono i cittadini e insisteremo affinché il Comune ponga in essere tutti gli interventi strutturali necessari” concludono i consiglieri.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.