Cuccioli presi a picconate: "Tik e Tak sono ciechi e hanno varie lesioni cerebrali. Serve aiuto" | VIDEO :ilSicilia.it
Agrigento

L'appello dell'Oasi Ohana

Cuccioli presi a picconate: “Tik e Tak sono ciechi e hanno varie lesioni cerebrali. Serve aiuto” | VIDEO

di
9 Maggio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

E dopo la notizia di Hola, anche Tik e Tak, i due cuccioli presi a picconate a Butera (AG), hanno perso la vista e non solo. A darne notizia è  Chiara Calasanzio dell’Oasi Ohana di Menfi che, da quel tragico momento, ha preso nel suo rifugio i due sopravvissuti.

Chiara, lo scorso 4 maggio, ha portato in una clinica veterinaria di Palermo i due cuccioli di pochi mesi per sottoporli a risonanze magnetiche e vari esami per capire meglio il loro stato di salute e vedere come procedere per curarli.

LE CONDIZIONI

Dopo esser stati quasi uccisi a metà aprile per mano di un essere spregevole, che ha portato anche alla morte il loro fratellino: “I cuccioli hanno subito varie lesioni al cervello e la rottura del cranio. Hanno deficit motori e mentali, oltre la perdita della vista e alla femminuccia la ferita continua a drenare“, racconta Chiara a ilsicilia.it.

Dopo 5 giorni dal ricovero è venuto fuori che: “A causa della violenza dei colpi inflitti, si sono formate delle schegge ossee che si sono dislocate nella trama del cervello. Queste schegge causano la formazione di pus. La situazione è quindi molto critica e delicata in quanto, per risolvere questo problema, si dovrebbero rimuovere chirurgicamente queste schegge che potrebbero ovviamente causare danni sia a Tik che a Tak. C’è da capire se intervenire chirurgicamente o no e chi possa fare questo tipo di intervento”.
 
“Sono cani profondamente traumatizzati. Il maschio, nonostante la paura, si fa accarezzare. Lei invece a volte morde… ha troppa paura. Guardarli così fa male al cuore. Vorrei solo stringerli e rassicurarli, ma per loro essere toccati è una violenza, un trauma.Non sono solo terrorizzati per quello che hanno vissuto. Non vedono più neanche cosa li circonda, si aspettano un altro colpo in testa da un momento all’altro, perché, purtroppo, la memoria non l’hanno persa“, evidenzia Chiara.

LE SPESE DA AFFRONTARE

Chiara, al momento, per prendersi cura dei due cuccioli e dargli la dignità che si meritano sta affrontando diverse spese. “Tra la degenza, le risonanze magnetiche e ai prelievi ho pagato alla clinica 1200 euro”. Per continuare le cure serviranno altre donazioni perché Tik e Tak si meritano di vivere e di non darla vinta a chi ha cercato di ucciderli.
“Almeno, però, sono insieme. Stanno raggomitolati dandosi forza l’un l’altro e speriamo in un’adozione di cuore”, conclude Chiara Calasanzio che, fino ad allora, nell’Oasi Ohana si prenderà cura dei due piccoli Tik e Tak.

LEGGI ANCHE

Cani presi a picconate in testa a Butera: uno e morto, i sopravvissuti sono gravi | FOTO

Cuccioli presi a picconate, sopravvissuti accolti all’Oasi ohana

 

Iscriviti a “Il regno degli animali” per rimanere aggiornato e inviaci delle segnalazioni su ilregnodeglianimali@ilsicilia.it.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin