Cuffaro dopo l'audizione all'Antimafia: "In Sicilia due milioni di ex cuffariani, sono in tutti i partiti" :ilSicilia.it

parla l'ex governatore ai giornalisti

Cuffaro dopo l’audizione all’Antimafia: “In Sicilia due milioni di ex cuffariani, sono in tutti i partiti”

di
27 Novembre 2019

Totò Cuffarò parla di politica “a tutto tondo”. Dopo essere stato ascoltato dalla commissione antimafia regionale in merito all’inchiesta sui rifiuti in Sicilia, l’ex presidente della Regione saluta nei corridoi di Palazzo dei Normanni gli addetti ai lavori e intraprende numerose tematiche politiche con i giornalisti.

Parla dei suoi discepoli “cuffariani” che lo hanno tradito dopo la condanna per favoreggiamento alla mafia e dice: “Gli ex ‘cuffariani’ in Sicilia sono due milioni: ora sono divisi dappertutto, in Fi, FdI, Pd e nella Lega. C’è stata una sorta di diaspora, è finito il ‘cuffarismo’ ora c’è il ‘cuffaresimo’: quando erano con me erano cattivi e ‘cuffaristi’, adesso che non ci sono più io tutti sono diventati buoni“.

Fa un cenno alla politica nazionale, ricordando la sua natura democristiana: “Io sono democristiano. E sto con i miei amici che spero lavorino per tenere una bandiera al centro, si chiami ‘Noi con l’Italia’ o come vogliono. Io sto con loro. E’ indubbio che quando davanti a una scheda la gente si ritroverà la Lega, il M5s, il Pd e FdI se vuole dare un voto moderato che fa? Noi speriamo che oltre a Italia Viva ci sia anche ‘Noi con l’Italia’ o un partito che riprenda la tradizione storica e culturale della democrazia cristiana“.

Infine, in merito al voto segreto lancia una frecciatina al governatore Musumeci che vuole abolire il voto segreto in Aula a Palazzo dei Normanni. “Ho fatto 8 anni il presidente della Regione anche col voto segreto. E’ una delle prerogative della democrazia parlamentare, è stato istituito per dare la possibilità al parlamentare di votare liberamente le cose più difficili. Io non l’ho mai chiesto l’abolizione, ho pensato semplicemente di parlare con chi mi votava contro“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin