Cuffaro rinnova l'Atto di affidamento della Sicilia alla Madonna: "Proteggici dal coronavirus" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la preghiera al cuore immacolato di maria

Cuffaro rinnova l’Atto di affidamento della Sicilia alla Madonna: “Proteggici dal coronavirus”

25 Marzo 2020

A diciannove anni di distanza da quando, nel 2001, Totò Cuffaro, da presidente della Regione, aveva affidato con atto solenne la Sicilia alla Madonna, l’ex governatore ha rinnovato oggi l’Atto di affidamento al Cuore Immacolato di Maria, per proteggere l’Isola e i Siciliani dal coronavirus.

“Nel 2001 – scrive Cuffaro – da Presidente dei Siciliani abbiamo affidato con atto solenne la Sicilia alla Madonna che ci ha preservato da tanti mali. Oggi da mendicante e devoto a Maria vorrei farmi promotore di rinnovare l’Atto di Affidamento alla Madonna che ci protegga dal coronavirus Covid 19″

“Pronunciamolo – conclude – nel privato delle nostre case rivolgendoci al Cuore Immacolato di Maria”

*****

O Maria,

in questo giorno in cui abbiamo contemplato

il trionfo del tuo Cuore Immacolato,

a Te noi oggi affidiamo il futuro della nostra amata Sicilia:

custodiscila e proteggila.

Tu sei l’Immacolata!

E’ il titolo con cui la nostra Isola

Ti ha sempre onorato e cantato.

Tu, libera da ogni peccato e pura da ogni macchia,

stendi il tuo sguardo d’amore su questo popolo.

Liberaci da ogni condizionamento del male,

che travaglia la nostra società,

ottienici la purificazione da tutte le nostre miserie,

perchè viviamo in una società

che solo la grazia di Cristo può rinnovare.

Tu sei la Madre di Cristo e la Madre nostra,

con il titolo di “BeddaMatri”

la nostra terra Ti ha sempre salutato.

O Madre nostra, vieni in mezzo a noi.

Porta l’amore del tuo cuore

Perché in unione con Te la nostra isola sia una famiglia

Ove la presenza di Cristo ci affratella

e la carità unisce il povero e il ricco.

Sia sacra la vita, o Madre,

siano sani i costumi,

siano ordinate le famiglie.

O Madre, pietà per tante sofferenze,

per tante ingiustizie sociali.

Aiutaci a camminare insieme

nell’unità, nella giustizia e nella pace.

Tu sei la Madre della Grazia.

Con questo titolo sei invocata

In tanti santuari nella nostra Isola.

O Madre di Grazia, ottienici la grazia divina

di vivere da figli di Dio;

ottienici la grazia di conservare la fede,

la speranza della vita eterna.

ottienici la carità perché ci amiamo

come fratelli e ognuno sia servo dell’altro.

Donaci Pastori santi nella Chiesa

perché ci guidino nella via

del rinnovamento cristiano

e nella testimonianza del Vangelo.

Guida noi governanti

perché possiamo promuovere opere

che servano a sollevare le condizioni

di chi è più povero,

a dare equilibrio, dignità e lavoro

ad ogni figlio di questa terra.

Proteggi i giovani,

futuro e speranza di questa nostra Sicilia,

libera il loro cuore delle moderne schiavitù,

fa che non siano deluse le loro attese

alla tradizione cristiana della nostra gente.

Custodisci i nostri anziani,

radici della nostra fede e maestri di vita.

Aiuta i malati, i deboli,

i sofferenti, gli emarginati.

Sorreggi quanti non hanno speranza,

conforta chi è nell’afflizione.

Fa che la Sicilia non sia mai la terra

della rassegnazione, dell’illegalità,

della violenza, della ingiustizia,

ma la terra delle opportunità,

della giustizia, della speranza.

Aiutaci a vincere ogni forma di egoismo,

di violenza, di individualismo

e a costruire una società rinnovata

dove ci siano uomini e donne,

degni custodi di tutto il patrimonio storico,

culturale, umano e religioso,

che Dio ci ha donato nei secoli.

Grazie, Madre,

del dono unico che ci hai fatto:

le Tue lacrime!

A nome di tutti i siciliani:

vogliamo custodirle

e soprattutto consolarle!

Regina della pace,

aiutaci a costruire una Sicilia,

terra di incontro tra uomini e culture diverse.

Faro di pace nel centro del Mediterraneo,

per l’Italia e il mondo intero.

Ma soprattutto, oggi,

Ti chiediamo la grazia più importante:

tutti insieme vogliamo ritrovarci un giorno con Te,

per cantare il Tuo trionfo, o Maria,

che è il trionfo del Tuo figlio, Gesù.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona