Cuffaro torna all'Ars ma gela i suoi: "Non rientrerò in politica" | LE VIDEO INTERVISTE :ilSicilia.it

L'ex governatore a Palazzo dei Normanni per parlare delle carceri siciliane

Cuffaro torna all’Ars ma gela i suoi: “Non rientrerò in politica” | LE VIDEO INTERVISTE

di
13 Settembre 2018

Guarda il videoservizio in alto

Accompagnato da mille polemiche e scortato dalla simpatia del suo seguito, l’ex governatore siciliano Totò Cuffaro ha fatto ritorno all’Assemblea regionale siciliana in occasione del convegno sull’universo dell carceri di Sicilia, organizzato da Vincenzo Figuccia.

Cuffaro ha ricevuto il saluto del presidente  dell’Ars Gianfranco Micciché che non rientra certamente tra i revisionisti: “Per me questa sarà sempre casa tua”.

“Sono stato accusato di essere un ‘uomo d’onore’? – ha detto Cuffaro – e allora vi faccio una battuta e ‘da uomo d’onore’ vi assicuro che non tornerò in politica”.

La platea degli intervenuti era composta da un pubblico di “fedelissimi”. Tra i presenti inoltre l’ex capo del personale della Regione Alfredo Liotta.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per