Cultura: A Cefalù la cerimonia del premio "Costa Normanna" :ilSicilia.it
Palermo

Mercoledì 21 agosto

Cultura: A Cefalù la cerimonia del premio “Costa Normanna”

18 Agosto 2019

Mercoledì 21 agosto, dalle ore 19.00, il Museo Mandralisca di Cefalù (PA) ospiterà la kermesse “Musica in Terrazza & Premio Costa Normanna“, iniziativa ideata da Giuseppe Di Franco e promossa in collaborazione con la Fondazione Culturale Mandralisca e la Solunto Foundation, con il patrocinio della Presidenza della Regione Siciliana.

Il clou della serata sarà la consegna del premio, che quest’anno avrà carattere internazionale in quanto ad ottobre, nel corso del Sacred Festival di Bordeaux,  si terrà una nuova cerimonia di consegna del premio.

Con il Premio Costa Normanna si è riusciti a creare un ponte culturale e sociale che collega le città d’arte quali Cefalù e Bordeaux, che apporterà un incremento in termini di immagine ai territori“, spiega Giuseppe Di Franco, regista e direttore artistico.

Rosellina Guzzo
Rosellina Guzzo

Ad introdurre l’evento sarà il concerto di arpa celtica di Rosellina Guzzo, che vanta numerose collaborazioni di prestigio come quella con la celebre band irlandese The Chieftains.

Il “Premio Costa Normanna” vedrà la consegna della Targa Oro assegnata quest’anno a Caterina Di Chiara, imprenditrice nel settore turistico e presidente Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Palermo ed Enna, a Fabrizio Tigano, professore Ordinario di Diritto Amministrativo dell’Università di Catania, a Giuseppe Puleo, dirigente regionale del Siulp e dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato, alla pianista e docente di musica Giovanna Borruso, allo scrittore e sceneggiatore Paolo Pintacuda, al fotografo Roberto Di Fresco, all’attrice Emanuela Mulè e al regista Giuseppe Moschella. Una Targa sarà conferita anche al consiglio di amministrazione della Fondazione Culturale Mandralisca.

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.