Cultura: A Gangi "Vivere in Assisi", rievocazione che l'Italia ci invidia :ilSicilia.it
Palermo

Dal 26 al 29 settembre

Cultura: A Gangi “Vivere in Assisi”, rievocazione che l’Italia ci invidia

di
16 Settembre 2019

La decima edizione di “Vivere in Assisi“, che si svolge a Gangi dal 26 al 29 settembre, si prospetta particolarmente intensa e spettacolare.

Quest’anno, nella splendida cornice di Palazzo Bongiorno, durante la presentazione della rievocazione, si è comunicato il prestigioso patrocinio morale che la Città di Assisi ha voluto concedere alla manifestazione che si è aperta con l’inaugurazione della mostra sugli usi e i costumi del XIII secolo “Un giorno nel medioevo”, a cui è seguita “Potuit decuit ergo fecit”, con l’esposizione di alcune opere neogotiche di Padre Antonio Jerone.

Vivere in Assisi 2109

La rievocazione che si snoderà tra le vie silenti del borgo portando in scena, in un vero e proprio teatro sotto le stelle, il “Cantico per l’uomo ovvero Francesco d’Assisi, il Santo che svela il vero volto dell’uomo”, è stata precorsa, ancora, dalla Giornata di Studi “Natura e Cultura dopo Francesco d’Assisi”, in collaborazione con l’Università di Catania e BCSicilia, il 28 e 29 settembre sarà introdotta dall’imponente corteo storico, uno tra i più belli di Sicilia.

Il presidente del Centro Studi Francescani e Medievali, dott. Roberto Franco, per conto suo, del Centro e di tutto lo staff responsabile dell’organizzazione, ha ringraziato la Città di Gangi che da vent’anni ospita la rappresentazione e che, grazie a essa, è divenuta «Sicula Città Internazionale della Storia Francescana» «per l’eccezionale coralità di Popolo attorno all’evento rievocativo francescano, il maestro Antonello Blandi che con il suo talento ha curato il manifesto ufficiale, divenuto immagine suggestiva della golden edition, i numerosi e autorevoli patrocini che ne testimoniano la valenza culturale: la Regione Siciliana Dipartimento dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, i Frati Minori di Sicilia, l’Onlus Frate Gabriele Allegra, il Pontificio Consiglio della Cultura, il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, la Pontificia Università Antonianum, l’Università di Catania, l’Officina di Studi Medievali, BCSicilia, l’Università Popolare di Termini Imerese, l’Ordine Francescano d’Italia e la Fraternità Regionale di Sicilia, Italia Medievale, l’Istituto di Alta Cultura “P. A. Jerone-P. A. Farina”, il Periodico d’informazione cristiana e francescana “Minores”, la Banca di Credito Cooperativo “Mutuo Soccorso” di Gangi e tutti coloro, che si sono adoperati per la buona riuscita di un evento divenuto, nel tempo, una vera eccellenza tra le manifestazioni storico-medievali dell’italia intera.

Un grazie particolare è stato riservato alla Città di Assisi e al suo sindaco, Stefania Proietti, per aver accettato l’invito, dal dott. Aldo Castagna a nome del Centro Studi Francescani e Medievali, per essere presenti con una delegazione, a Gangi, nei giorni della rievocazione e per aver voluto patrocinare “Vivere in Assisi”, un viaggio intriso di struggente spiritualità alla ricerca dell’Alto e dell’Altro.

“Vivere in Assisi” è bello pensarlo, e goderne l’atmosfera, come un vero e proprio dono di San Francesco.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin