Cultura: a Palazzo Reale mare e terra si fondono nella storia del Mediterraneo con "Terracqueo" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Il racconto della FOndazione Federico II

Cultura: a Palazzo Reale mare e terra si fondono nella storia del Mediterraneo con “Terracqueo” | VIDEO

di
31 Agosto 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

“Quelli che vivono in riva al mare difficilmente possono formare un solo pensiero di cui il mare non faccia parte“, Hermann Broch.

Con “Terracqueo”  la Fondazione Federico II ci porta nella storia dell’umanità del Mediterraneo passando dalla geologia ai miti, dalla colonizzazione greca ai fenici, dal commercio fino alla globalizzazione dei giorni nostri. Un viaggio da civiltà in civiltà e da guerra in guerra.

Il racconto prenderà vita a Palazzo Reale dal 16 settembre.

L’IDEA

“Terracqueo” è l’incontro e lo scontro tra popoli che hanno solcato il Mediterraneo e abitato le sue terre attraverso 324 reperti e 8 sezioni. Scopo della Fondazione è quello di catapultarci in un viaggio tra i secoli in un percorso socio culturale.

Il Mediterraneo. Oggiè l’ultima sezione: una istallazione immersiva che rituffa il visitatore nel presente. Un viaggio lungo otto mesi in 17 Paesi che ha dato vita ad un reportage firmato dal giornalista Carlo Vulpio e dalla fotografa Lucia Casamassima su 46 mila chilometri di litorale e in quelle aree interne e distanti dalle rive mediterranee.

LE VOCI DI GIANFRANCO MICCICHÉ E PATRIZIA MONTEROSSO

Terracqueo per la Fondazione Federico II – spiega il presidente della Fondazione Gianfranco Miccichèrappresenta molto di più di un momento artistico e culturale. Ancora una volta Palazzo Reale diventa il simbolo della coesistenza dei popoli del Mediterraneo. Nell’arte e nella bellezza si manifesta una pacifica convivenza tra popoli di diversa cultura e religione. Ogni reperto presente a Palazzo Reale per Terracqueo contribuisce a mostrare il Mediterraneo come la più grande fabbrica d’idee del mondo: dalla filosofia, all’arte, alle scienze, alla medicina, all’organizzazione politica, tutto concorre al raggiungimento di principi senza barriere e senza pregiudizi”.

“Il Mediterraneo – afferma Patrizia Monterosso, direttore generale della Fondazione Federico II – è un’area dove il mare e la terra si fondono come principio generatore di un sistema fatto di equilibri. Si potrebbe affermare che il Mediterraneo è esso stesso un’opera d’arte che noi abbiamo ribattezzato Terracqueo. Qui Occidente e Oriente si contaminano in modo alchemico. La pace oltre la guerra e la terra oltre il mare, tutto a rappresentare un comune denominatore”.

“Una forte contaminazione, che ha preservato gli elementi vitali di ogni singola cultura. Contro le dottrine del totalitarismo, la mediterraneità è una filosofia del pensiero in grado di affermarsi come elemento propositivo verso la libertà. Terracqueo non vuole essere una mera esposizione di reperti, ma un racconto della vera anima del Mediterraneo, dalla storia geologica fino ai giorni nostri. Non a caso la Fondazione Federico II ha istituito un comitato scientifico multidisciplinare. Il risultato è che ogni reperto proveniente dal mare racconta la vita sulla terraferma e ogni reperto della terraferma narra le storie del mare”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin