Cultura: a Palermo la rassegna "Autunno al Bellini" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

SABATO 16 NOVEMBRE

Cultura: a Palermo la rassegna “Autunno al Bellini” | FOTO

11 Novembre 2019
The theatre actress Eleonora Duse acting in the tragedy 'La citta morta' ('The dead city'), by Gabriele D'Annunzio. Milan, 1901 (Photo by Mondadori via Getty Images)

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Sabato 16 novembre un’altra visita teatralizzata all’interno della rassegna “Autunno al Bellini“.

Appuntamento per le 19 e, in replica, alle 21 e alle 22 al Real Teatro Bellini di piazza Bellini a Palermo, in programma la lettura teatrale del capolavoro di Giuseppe Tomasi di Lampedusa con Gigi Borruso, seguite da visite guidate alla scoperta della storia del Teatro più antico di Palermo e le figure di Eleonora Duse e Gabriele D’Annunzio.

È il 15 aprile 1899, D’Annunzio, presente in sala, assiste alla prima assoluta della sua “Gioconda”, Eleonora Duse interpreta Silvia Settala. Al Real Teatro Bellini, gremito in ogni ordine e alla presenza del duca d’Orleans, il vate riceve «applausi fragorosi e chiamate al proscenio due, tre, quattro volte».

Autunno al Bellini
Gigi Borruso

Circondati dalle memoria del teatro più antico di Palermo, si assisterà alla lettura teatrale “Il tramonto e il sorriso”, con Gigi Borruso che leggerà alcuni brani de Il Gattopardo, e alle visite guidate, nel racconto delle trasformazioni del sito architettonico e dei 350 anni del Teatro di piazza Bellini.

Il racconto, che seguirà le atmosfere della letteratura che torna sul palco più antico della città, rievocherà la memoria di Eleonora Duse, l’amante del Vate del decadentismo e interprete del superuomo, la divina, tra le più belle e carismatiche attici del XIX secolo, furono entrambi presenti al Teatri Bellini nel 1899 per La Gioconda, tragedia scritta da Gabriele d’Annunzio.

Sebbene, l’esperienza teatrale del poeta terminerà nel giro di pochi anni, fra il 1897 e il 1914, la sua influenza si farà sentire in un sogno di la bellezza dell’arte assoluta e nelle suoi molteplici progetti teatrali. La Divina, fra le più celebri e importanti del tempo. figlia d’arte, comincerà a recitare giovanissima, ma ben presto farà parte di quel gruppo di personaggi teatrali in grado, attraverso una serie di caratteristiche fisiche e al fortissimo temperamento, capaci di soggiogare da soli intere platee.

Un corpo minuto che sapeva portare sul palco la nevrosi contemporanea, unito alla delicatezza della sua gestualità fortemente simbolista, un teatro, dunque, magnetico, fatto di contrasti, poesia e tormenti. L’arte dusiana, il dolorismo, cifra stilistica di Eleonora, l’intenso rapporto amoroso con Arrigo Boito, la travagliata relazione con D’annunzio, alcuni degli elementi che saranno narrati per omaggiare l’attrice che divenne famosa in tutto il mondo, pur recitando solo in italiano, e che era in grado di trasmettere il respiro dell’anima. Si racconterà inoltre, l’opera dell’architetto e regista cileno Alfredo Jaar “Due o tre cose che so sui mostri”, per BAM – Biennale Arcipelago Mediterraneo. Installata nella platea dello storico teatro di piazza Bellini.

Ticket intero euro 10 – Ridotto CRAL, ARCI, under 25 e over 65: euro 8 – Bambini fino a 10 anni euro 6.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.