19 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.34
Palermo

EVENTO DI GRANDE APPEAL CULTURALE

Cultura: a Vicari si inaugura “Il Museo Archeologico del Castello”

20 Settembre 2019

A Vicari, piccolo centro della provincia di Palermo, lunedì 23 settembre, alle 17, ci sarà l’Inaugurazione del Museo Archeologico del Castello, evento di grande interesse culturale che vedrà la partecipazione del ghota della politica e della cultura.

Inaugurazione Museo Archeologico VicariVicari, ponte tra la Sicilia punica a occidente e quella ellenica a oriente, vivrà, presso l’Aditorium del Castello, un pomeriggio che ricorda, custodendolo, un passato glorioso trasformato, dalla illuminata visione del sindaco, Antonio Miceli, in un ponte immaginario tra presente e futuro. A dare i Saluti Istituzionali saranno, oltre al primo cittadino e padrone di casa, Antonio Miceli, l’On. Nello Musumeci, Presidente della Regione Sicilia; l’On. Roberto Lagalla, Assessore alla Pubblica Istruzione. Interverranno, inoltre, la Dottoressa Lina Bellanca, Soprintendenza BB.CC.AA di Palermo; la Dottoressa Lucina Gandolfo, Resp. Arch. Soprintendenza BB.CC.AA di Palermo; la Dottoressa Caterina Greco, Direttore Museo Archeologico “Salinas”; il Dottor Stefano Vassallo, Dirigente Soprintendenza BB.CC.AA di Palermo; il Dottore Emanuele Canzonieri, Responsabile Scavi del Castello; la Dottoressa Stefania Arnone Scimeca, Consigliere Comunale, Responsabile Politiche Cultura. Modera il Dottor Ciro Costa, Consigliere Comunale, Responsabile Politiche Culturali.

il sindaco di Vicari Antonio Miceli
il sindaco di Vicari Antonio Miceli

Vicari, il cui toponimo risalirebbe a origini greche, infatti anticamente era chiamata Boikos, Bico, Bicaracon, e latine, Biccaris o Biccaru e che in italiano significa Boaro o Vaccaro, sorge su una rocca strategica che, alcune fonti storiche, affermano essere stata scelta dai Romani quale luogo per erigere il maniero, protagonista di questa importantissima giornata per la comunità, in grado di dominare l’intera vallata. “L’Inaugurazione del Museo Archeologico – afferma il Sindaco Antonio Miceli è il completamento di un percorso di scavi fatti al Castello, tra il 2015 e il 2017, grazie al finanziamento di 3 milioni e 800 mila euro da parte dell’Assessorato regionale Beni culturali. Molti i reperti preziosi, tra cui anelli e asce particolari, custoditi in teche blindate che rappresentano un patrimonio culturale e turistico. Una bella occasione, questa, di valorizzazione del nostro territorio e di Vicari“. Una realtà culturalmente stimolante, ricca di storia e tradizioni, che è, sicuramente, valore aggiunto per la nostra isola.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.