Cultura: a Vicari si inaugura "Il Museo Archeologico del Castello" :ilSicilia.it
Palermo

EVENTO DI GRANDE APPEAL CULTURALE

Cultura: a Vicari si inaugura “Il Museo Archeologico del Castello”

di
20 Settembre 2019

A Vicari, piccolo centro della provincia di Palermo, lunedì 23 settembre, alle 17, ci sarà l’Inaugurazione del Museo Archeologico del Castello, evento di grande interesse culturale che vedrà la partecipazione del ghota della politica e della cultura.

Inaugurazione Museo Archeologico VicariVicari, ponte tra la Sicilia punica a occidente e quella ellenica a oriente, vivrà, presso l’Aditorium del Castello, un pomeriggio che ricorda, custodendolo, un passato glorioso trasformato, dalla illuminata visione del sindaco, Antonio Miceli, in un ponte immaginario tra presente e futuro. A dare i Saluti Istituzionali saranno, oltre al primo cittadino e padrone di casa, Antonio Miceli, l’On. Nello Musumeci, Presidente della Regione Sicilia; l’On. Roberto Lagalla, Assessore alla Pubblica Istruzione. Interverranno, inoltre, la Dottoressa Lina Bellanca, Soprintendenza BB.CC.AA di Palermo; la Dottoressa Lucina Gandolfo, Resp. Arch. Soprintendenza BB.CC.AA di Palermo; la Dottoressa Caterina Greco, Direttore Museo Archeologico “Salinas”; il Dottor Stefano Vassallo, Dirigente Soprintendenza BB.CC.AA di Palermo; il Dottore Emanuele Canzonieri, Responsabile Scavi del Castello; la Dottoressa Stefania Arnone Scimeca, Consigliere Comunale, Responsabile Politiche Cultura. Modera il Dottor Ciro Costa, Consigliere Comunale, Responsabile Politiche Culturali.

il sindaco di Vicari Antonio Miceli
il sindaco di Vicari Antonio Miceli

Vicari, il cui toponimo risalirebbe a origini greche, infatti anticamente era chiamata Boikos, Bico, Bicaracon, e latine, Biccaris o Biccaru e che in italiano significa Boaro o Vaccaro, sorge su una rocca strategica che, alcune fonti storiche, affermano essere stata scelta dai Romani quale luogo per erigere il maniero, protagonista di questa importantissima giornata per la comunità, in grado di dominare l’intera vallata. “L’Inaugurazione del Museo Archeologico – afferma il Sindaco Antonio Miceli è il completamento di un percorso di scavi fatti al Castello, tra il 2015 e il 2017, grazie al finanziamento di 3 milioni e 800 mila euro da parte dell’Assessorato regionale Beni culturali. Molti i reperti preziosi, tra cui anelli e asce particolari, custoditi in teche blindate che rappresentano un patrimonio culturale e turistico. Una bella occasione, questa, di valorizzazione del nostro territorio e di Vicari“. Una realtà culturalmente stimolante, ricca di storia e tradizioni, che è, sicuramente, valore aggiunto per la nostra isola.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.