Cultura e degustazioni, al via la seconda edizione di "Tortorici, cibo e territorio" | Fotogallery :ilSicilia.it
Messina

il 4 e 5 agosto

Cultura e degustazioni, al via la seconda edizione di “Tortorici, cibo e territorio” | Fotogallery

di
31 Luglio 2018

Guarda la fotogallery in alto

Avrà luogo il 4 e 5 agosto la seconda edizione di “Tortorici, cibo e territorio” manifestazione di promozione turistica del territorio organizzata dalla Pro Loco. Numerose la attività previste quali visite guidate a chiese e musei, degustazione di prodotti tipici, show cooking, animazione musicale e aree attrezzate per camperisti. In piazza Zumbo saranno presenti le maestranze artigiane del territorio nebroideo e sarà possibile assistere alla preparazione del pane fatto con grani antichi e lievito madre.

Particolarmente significativo, giorno 4 dalle18 presso la sala conferenze del circolo dei Maestri in piazza Timpanaro, il focus “Turismo rurale e proprietà salutistiche delle tipicità gastronomiche” dove i temi del turismo rurale vengono intrecciati ad un percorso salutistico dove la tipicità diventa cibo buono e che fa bene.

Dopo i saluti delle autorità locali sarà il momento dei rappresentanti della politica nazionale e regionale, interverranno gli onorevoli, Antonio Catalfamo, Pino Galluzzo, Nino Germanà e Carmelo Lo Monte. Successivamente, il contributo scientifico sarà a cura degli esperti di settore, saranno presenti i docenti dell’Università di MessinaGiuseppe Avena (Statistica Sociale), Filippo Grasso, (Analisi di Mercato), Giuseppa Di Bella (Chimica degli alimenti).  E ancora, Mario Indovina del Comitato Esecutivo Regionale Slow Food Sicilia e Francesco Calanna, presidente GAL Nebrodi Plus.

Un giovane oricense Matteo Favazzo, studente dell’Itis “E. TorricelliSant’Agata Militello, ci parlerà della propria esperienza di alternanza scuola-lavoro presso l’Università degli Studi di Palermo.

La manifestazione patrocinata dall’Ars sarà arricchita dal contributo dell’assessore regionale alle Autonomie locali e della Funzione pubblica, Bernadette Grasso, e dell’assessore regionale all’Economia e vicepresidente della Regione Siciliana, Gaetano Armao.

Domenica 5 agosto un inno alla vita sarà il festival canoro “La nocciola d’oro” giunto alla ventesima edizione, organizzato dall’associazione Angelo Musco, curato dalla bravissima Delia Pintagro e patrocinato dalla Pro Loco.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.