Cultura e politica: la storia segreta della DC nei diari di Ettore Bernabei | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

il convegno

Cultura e politica: la storia segreta della DC nei diari di Ettore Bernabei | VIDEO

di
28 Luglio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Cultura e politica hanno visto le istituzioni della Regione Siciliana impegnate a raccontare i diari minuziosi di un grande protagonista del giornalismo e della politica del secolo scorso per la prima volta raccolti in un libro che ne svela aneddoti e retroscena.

E’Ettore Bernabei, il primato della politica, la storia segreta della Democrazia Cristiana nei diari di un protagonista” (Marsilio Editore) di Piero Meucci, il volume presentato a Palermo su iniziativa della Fondazione Formiche, presieduta dal professore Alberto Brandani, che ha moderato l’incontro.

A discuterne sono stati Monsignor Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, Roberto Lagalla assessore all’istruzione e alla formazione professionale della Regione siciliana e Gianluca Enzo Buono cultore della materia.

Per più di dieci anni direttore della Rai e tra i protagonisti del giornalismo e del cinema italiani, Ettore Bernabei è stato anche uno straordinario testimone ed esponente politico della cosiddetta Prima Repubblica. A partire dai suoi diari, tenuti lungo tutto il corso della sua vita, il giornalista Piero Meucci ha ricostruito storie, misteri, personaggi e retroscena, dalla stagione del centrosinistra a quella del referendum sul divorzio, dal rapimento di Aldo Moro al tramonto della DC, visti e raccontati in prima persona.

Quest’anno ricorrono i 100 anni della nascita di Ettore Bernabei – spiega il presidente della Fondazione Formiche Alberto Brandani – si tratta di una ricorrenza che può essere l’occasione per tracciare un apologo a buon uso delle nuove generazioni, un esempio in cui successo e merito sono le facce della stessa medaglia. Bernabei infatti condensa alcuni valori che la società moderna fatica a recepire e come tale va narrato soprattutto ai giovani”.

Per l’assessore Roberto Lagalla, che ha presentato il volume insieme al vicepresidente della Cei mons. Raspanti “la vita e l’impegno di Ettore Bernabei sono una metafora della buona politica: quella che sa coniugare ideali e realizzazioni, competenza e responsabilità nell’interesse della cosa comune. Un esempio tratto dall’antologia della prima Repubblica da proporre oggi com’è possibile riferimento per la riqualificazione di una iniziativa politica che sembra avere smarrito il suo originario e fondante codice genetico”.

Tra gli organizzatori dell’evento anche l’assessore regionale alle Attività produttive Mimmo Turano che rimarca: “è un’iniziativa culturale che però ha la pretesa di dare un contributo alla politica, che oggi più che mai ha bisogno di tornare alla riflessione e al pensiero e di rimettere al centro il merito e la competenza”.

Tra gli esponenti del governo Musumeci anche Toto Cordaro, assessore al Territorio e all’Ambiente, Ester Bonafede protagonista di una militanza ed appartenenza storica al partito politico di Udc, e il neo Rettore di Unipa, Massimo Midiri.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin