Cultura: Ragusa dedica la sua Biblioteca al compianto Sebastiano Tusa :ilSicilia.it
Ragusa

LA CHIUSURA DELLA DUE GIORNI DI EVENTI

Cultura: Ragusa dedica la sua Biblioteca al compianto Sebastiano Tusa

9 Novembre 2019

E’ stata celebrata l’inaugurazione della Biblioteca della Soprintendenza ai Beni Culturali Ambientali e Identità Siciliana di Ragusa, intitolata al compianto assessore regionale prof. Sebastiano Tusa.

Una della due giorni dedicata alla presentazione dei risultati del progetto di cooperazione internazionale Interreg COASTING. Un progetto coordinato dalla Soprintendenza del Mare, di cui Tusa fu anche sovrintendente.

A moderare i lavori della due giorni di eventi è stata la giornalista Patrizia Biagi.

La dedica a Sebastiano Tusa e l’ammodernamento della biblioteca sono stati fortemente voluti dal Soprintendente ai Beni Culturali Ambientali e Identità Siciliana di Ragusa, Giorgio Battaglia.

Coasting è un progetto di cooperazione internazionale tra paesi del Mediterraneo per la valorizzazione e tutela dal rischio idrogeologico delle coste, iniziato attraverso l’opera del compianto assessore.

In tale ambito, la Soprintendenza del Mare della Sicilia ha posto l’attenzione sui siti archeologici a rischio idrogeologico lungo le coste della Sicilia.

All’evento è intervenuta anche Valeria Li Vigni, compagna di vita del Prof. Tusa ed oggi nuovo soprintendente del Mare della Regione Siciliana, che ha presentato i risultati del lavoro fatto e proposto la prosecuzione dell’iniziativa.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.