Cultura, Samonà in visita all'area archeologica di Halaesa Arconidea | FOTO :ilSicilia.it
Messina

il sopralluogo

Cultura, Samonà in visita all’area archeologica di Halaesa Arconidea | FOTO

di
9 Luglio 2021

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Sopralluogo oggi a Tusa (Me) dell’Assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà, che si è recato nel sito archeologico di Halaesa Arconidea per incontrare i docenti e gli studenti delle Università di Amiens, Messina e Palermo, impegnati negli scavi in diversi settori dell’area archeologica.

“La ripresa degli scavi in tutta la Sicilia – sottolinea l’assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – sta caratterizzando un’entusiasmante stagione di nuovi ritrovamenti grazie a rapporti con le Università di tutta Europa, che sono impegnate in diverse aree della Sicilia. Ed è per questo che non mi stanco di definire questo momento come una vera e propria primavera dell’archeologia che la nostra Isola sta vivendo. In un mondo globalizzato, infatti, il patrimonio storico-culturale e il contesto paesaggistico in cui i nostri siti archeologici si trovano, rappresentano quell’unicum in grado di orientare, in Sicilia, un modello di sviluppo, un modello di futuro che guardi alla nostra cultura e alla nostra identità”.

L’Università di Amiens, sotto la guida della professoressa Michela Costanzi, lavora da tempo su tre settori del sito di Halaesa: l’acropoli meridionale, la zona a sud dell’Agorà e la zona sotto il muro a contrafforti.

Quest’anno i lavori si concentrano in quest’ultima zona dove, nel 2018, seguendo un protocollo rigoroso di indagini geofisiche e LiDAR e di saggi mirati, la Missione ha scoperto il teatro antico della città che, stando alle fonti, aveva un ruolo urbanistico importante perché costituiva un trait d’union molto scenografico tra le due colline che compongono il sito, sulle cui sommità si trovavano gli edifici pubblici.

In base ai primi risultati, questo teatro, ancora oggi quasi interamente sepolto sotto uno spessore di terra compreso tra i 2 e i 6 metri, aveva un diametro di circa 77 m ed un dislivello di 38 metri.

Gli scavi fanno seguito alla sottoscrizione, a fine maggio, del protocollo d’intesa tra il Direttore del Parco archeologico di Tindari Mimmo Targia e la professoressa Michela Costanzi dell’Università di Amiens, alla presenza dell’Assessore Samonà.

Sempre ad Halaesa sono in corso gli scavi condotti dall’Università di Messina, in collaborazione con l’Università di Oxford.

Gli scavi della Missione, coordinata dal professore Lorenzo Campagna, si svolgono nell’area del Santuario principale della Città che si trova situato sulla collina più settentrionale, prospiciente il mare. Gli scavi continueranno a riportare in luce la grande piattaforma – alta circa 4 metri – che sorge sulla sommità della collina, alla quale si accedeva tramite una rampa direttamente collegata alla via sacra che risaliva dal centro della città. Saranno oggetto delle indagini anche i tre edifici di culto che si innalzavano sulla piattaforma, il più grande dei quali era dedicato al culto di Apollo. L’obiettivo delle ricerche è quello di completare, nel prossimo futuro, l’esplorazione della collina e di inserire il Santuario nei percorsi di visita.

Il progetto dell’Università di Palermo, coordinato dal professore Aurelio Burgio, del Dipartimento Culture e Società, riguarda, infine, lo scavo di un settore delle fortificazioni orientali, strettamente legato alla viabilità di accesso alla città e all’impianto urbano che si trova nell’area delle torri B e C, identificate negli anni ’50 del secolo scorso. Qui si trovano, infatti, una postierla e poco più a ovest una porta, in diretta relazione con la plateia centrale.

La nuova campagna di scavi, preceduta da una breve indagine preliminare effetuata nel 2020, mira ad individuare le relazioni tra le due diverse linee di mura che si raccordano alla Torre C, datarne la costruzione ed eventuali successivi restauri. L’esplorazione di questo settore delle fortificazioni permetterà, inoltre, di integrare quest’area con quella del Teatro, nella prospettiva di un percorso comune di visita della città antica.

“Stiamo vivendo un momento molto interessante – dice il Direttore del Parco archeologico di Tindari, Mimmo Targia – che sta restituendo attenzione a un sito che ha ancora moltissimo da rivelare. La ripartenza delle missioni di scavo riapre la fiducia degli operatori del territorio perché comporta la ripresa di relazioni e movimenti destinati inevitabilmente a generare flussi di visitatori. Lavoriamo nell’interesse del territorio consapevoli della centralità che i Parchi archeologici hanno nella costruzione di alleanze capaci di generare nuove economie sostenibili”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.