Cura Italia e bonus di 600 euro: la platea degli esclusi e il nuovo fondo | VIDEO :ilSicilia.it

MISURE IN ARRIVO PER I LIBERI PROFESSIONISTI

Cura Italia e bonus di 600 euro: la platea degli esclusi e il nuovo fondo | VIDEO

di
23 Marzo 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

A chi andrà il contributo di 600 euro stabilito dal Decreto “Cura Italia” emanato dal Governo per far fronte al blocco totale delle attività, dovuto all’emergenza Coronavirus?

C’è ancora tanta confusione tra la gente: dai co.co.co. alle Partite IVA, in tanti ancora non sanno come muoversi per richiedere questo bonus. L’unica certezza è che «ai fini dell’accesso all’indennità, queste categorie di lavoratori (autonomi occasionali, co.co.co. e Partite Iva) non devono essere titolari di un trattamento pensionistico diretto e non devono avere altre forme di previdenza obbligatoria».

Tradotto: sarebbero esclusi una platea di liberi professionisti, che hanno una propria cassa previdenziale, diversa dalla Gestione separata Inps.

LE PROFESSIONI ESCLUSE

Architetti, ingegneri, agronomi forestali, chimici, biologi, consulenti del lavoro, giornalisti, farmacisti, commercialisti, ragionieri e periti, notai, avvocati, medici odontoiatri, psicologi, infermieri, veterinari, geometri, periti industriali, agenti e rappresentanti di commercio, impiegati dell’agricoltura, periti agrari, sono le professioni che – al momento – sembrerebbero escluse dal bonus dei 600 euro.

Ma a fare chiarezza in merito è il Sottosegretario al MEF, Alessio Villarosa. L’esponente pentastellato siciliano ha pubblicato (IN ALTO) un video su Facebook per tranquillizzare la “platea degli esclusi”, che – assicura Villarosa – avranno un altro contributo del Governo: il “fondo al reddito di ultima istanza”.

«Non ci sarà un “click day” per i 600 euro. Tutti devono avere un contributo di 600 euro per le spese essenziali. Non è la soluzione del problema perché ci saranno i ristori nei prossimi decreti. Capiremo quanto è stato perso dalla nostra Economia e come poterla ristorare. Per le aziende ci sarà la cassa integrazione: non si può licenziare nessuno. Il bonus di 600 euro non sarà un mese, ma sarà prorogato anche per ogni mese in cui durerà l’emergenza. State tranquilli».

IL NUOVO FONDO PER I LIBERI PROFESSIONISTI

Poi il deputato M5S, originario di Barcellona Pozzo di Gotto (ME), entra nel merito dell’esercito dei liberi professionisti.

«Per coloro che hanno una cassa di appartenenza, che in questi giorni pensavano di essere esclusi dal bonus dei 600 euro – spiega il sottosegretario all’Economia – stiamo discutendo con le casse previdenziali. Già dalla prima bozza del decreto voi eravate dentro. Figuriamoci se per 300 milioni ci creavamo problemi, visto che abbiamo stanziato 25 miliardi! Mai pensato di lasciare soli i liberi professionisti. Il ministro del Lavoro sta parlando con le casse di appartenenza per capire come verrà fatta l’erogazione. Il Governo è con voi e vi aiuterà».

Poi conclude su Facebook: «Chi al momento non rientra in queste categorie, verrà ricompreso al più presto, l’intenzione del Governo è garantire questo contributo ogni mese e ad ogni cittadino che in questo momento non lavoro o lo fa parzialmente con pesanti riduzioni di ricavi».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin