Da Andreotti a prima donna premier. L'ascesa della leghista di Palermo Giulia Bongiorno :ilSicilia.it
Palermo

Il nome a sorpresa per Palazzo Chigi

Da Andreotti a prima donna premier. L’ascesa della leghista di Palermo Giulia Bongiorno

di
14 Aprile 2018

Il rebus delle consultazioni, finora poco felici, che il capo dello Stato Sergio Mattarella prova a portare avanti nel tentativo di dare un nuovo governo al Paese, si arricchirà a breve di ulteriori capitoli. Uno di questi, come papabile presidente incaricato, tra i nomi che sono circolati nelle ultime ore, riguarda l’avvocato palermitano Giulia Bongiorno, uno dei nomi simbolo della Lega nuova generazione, elemento di sintesi di un’area di centrodestra unificata e personalità vivace e di riferimento del nuovo contenitore culturale e politico che Matteo Salvini vuole avviare.

andreotti-e-avv-bongiornoLa Bongiorno ha raggiunto la celebrità dopo la difesa di Giulio Andreotti nel processo per mafia (a soli 27 anni) insieme a Franco Coppi e Gioacchino Sbacchi dal 1993 al 2004.

Ha poi curato la difesa di molti personaggi noti nell’ambito di complessi procedimenti penali di carattere tributario; tra gli altri, Gianna Nannini, Ezio Greggio, Tiziano Ferro e l’allenatore di basket Simone Pianigiani.

Ancor più d’impatto il patrocinio del 2008 dell’allora studente universitario Raffaele Sollecito, uno degli indagati per l’omicidio di Meredith Kercher, noto come delitto di Perugia dove l’imputato è stato assolto in Cassazione il 27 marzo 2015.

E nel tormentone estivo del 2015 “Maria Salvador” del rapper J-Ax una frase l’avrebbe fatta sorridere: «A me serve l’avvocato di Andreotti e Amanda Knox…».

Fonda nel 2007 con Michelle Hunziker “Doppia Difesa”, un’associazione onlus a sostegno delle donne che hanno subito violenze e abusi.

Nel 2006 fu eletta alla Camera con AN, dove diventò membro della Commissione Giustizia e del Consiglio di Giurisdizione. Il “passaggio” al PdL non la esclude dai giochi, dacché nel 2008 viene riconfermata a Montecitorio. Alle elezioni regionali nel Lazio del 2013 si candida alla carica di presidente, venendo sostenuta dalla lista Bongiorno presidente.

salvini-e-bongiornoCara al mondo forzista e apprezzata da Berlusconi, Giulia Bongiorno potrebbe essere la prima donna premier in un mondo di politica iperpopolato  da uomini  e dove si sono rese necessarie e istituzionalizzate le quote rosa per evitare ai partiti (di ogni area di riferimento) di ‘dribblare’  la possibilità di dare spazio alle donne nella composizione  delle liste.

Nonostante sia un nome ‘di parte’, il profilo dell’avvocato palermitano potrebbe essere accreditato di una significativa connotazione laica. I rumors dicono che potrebbe contare sulla stima dei Cinque Stelle. Vedremo se questo basterà a darle la straordinaria chance.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.