Da discarica a giardino: lo Zen 2 di Palermo rivive grazie a un progetto di Renzo Piano :ilSicilia.it
Palermo

L'iniziativa

Da discarica a giardino: lo Zen 2 di Palermo rivive grazie a un progetto di Renzo Piano

di
15 Ottobre 2021

La periferia torna a nuova vita grazie al progetto “G124”, coordinato dal senatore a vita Renzo Piano, che ha fatto sì che una zona in stato di degrado abbia ora una veste completamente diversa. Accade a Palermo, nel quartiere Zen 2, dove un’intera area è stata riqualificata per mezzo del piano “Il rammendo delle periferie – Trenta alberi per lo Zen 2”.

Nel dettaglio, si tratta del piazzale situato tra Fausto Coppi e via Sandro Pertini. Un’area che stava pian piano divenendo una discarica a cielo aperto ma che, dopo un primo intervento di bonifica, è stata prima interessata dalla realizzazione di una pavimentazione di colore azzurro e  poi sono stati piantati trenta alberi lungo tutto il perimetro. A presentare i risultati dell’iniziativa, nel giorno della cerimonia di inaugurazione dell’area riqualificata allo Zen 2 e sotto una pioggia battente, è stato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. Il progetto, che sposa i temi della rigenerazione e quello della riforestazione urbana, interessa un piccolo lotto di 77×10 metri che si trova all’ingresso del quartiere in prossimità di un campo di calcetto realizzato nel 2018 dal Comune di Palermo e con il quale si è voluto realizzare un unico spazio ludico. Gli alberi piantati sono due Schinus molle e ventotto Pepe rosa e sono stati installati tre sedili e giochi per i bambini.

E stato ideato dal famoso architetto e senatore a vita, realizzato con la stretta collaborazione dell’Università degli Studi di Palermo e curato da quattro borsisti: Antonino Alessio, Flavia Oliveri, Angela Valenti e Marina Viola. E’ stato attuato con la collaborazione del settore Decoro Urbano e Sport del Comune di Palermo, l’azienda A.M.G., la Re.Se.T e le maestranze del Co.I.M.E.

“E’ la conferma che anche le periferie hanno diritto ad avere spazi di svago e allegria. Per questo ringrazio Renzo Piano, l’Università degli Studi di Palermo e il Co.I.M.E. E’ un altro contributo alla vivibilità della nostra città – ha sottolineato il sindaco – Lo Zen è Palermo e Palermo è lo Zen anche in questo caso. Le periferie hanno sofferto e bisogna accelerare proprio in quelle opere pubbliche che qualcuno non vuole realizzare e che renderebbero più vivibile la città – ha aggiunto Orlando riferendosi al Piano triennale delle opere pubbliche ancora fermo in Sala delle Lapidi – Chi blocca queste procedure se ne assuma la responsabilità “.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin