Da dove viene tanta devozione? | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Nel giorno in calendario fissato in arancione, l’uomo della città “tutto porto” non transige

Da dove viene tanta devozione?

di
15 Dicembre 2016
header-botindari

Carissimi, ci sono voluti un paio di giorni per smaltire gli effetti della ricorrenza di Santa Lucia e ultimata la digestione giunge il momento delle domande.

In una giornata nella quale tutte le centraline cittadine per il controllo ambientale sono andate in crisi per l’elevata presenza degli effluvi di frittura nell’aria, mi chiedo come ogni anno: “Da dove viene tanta devozione?”

Non è la prima volta che affronto il tema del palermitano e le ricorrenze religiose legate al cibo e non è la prima volta che mi meraviglio nel registrare il rigore nel rispetto di questi annuali appuntamenti.

Lasciategli, pure una città piena di problemi, d’inefficienze e di ritardi, ma il giorno in calendario fissato in arancione, l’uomo della città “tutto porto” non transige, non perdona, non accetta scuse, vuole rispettare la tradizione, benché non si comprenda a oggi quale sia la penitenza stabilita per chi non ottempera giacché di tali osservanze non vi è traccia in alcun documento religioso.

Dell’arancina si è discusso tanto negli ultimi tempi e con una certa letteratura e una razionale campagna promozionale si è fatto si che anche coloro che in altre latitudini non conoscessero questo “prodotto tondo” interpretato nella sua versione locale abbiano potuto apprezzare in città e paesi nordici la bontà della “palla di riso”.

Non è raro ad esempio a Londra cercare a Notting Hill la libreria dell’incontro nell’omonimo film di Julia Roberts e Hugh Grant e imbattersi a pochi metri in una vetrina con esposta una FIAT 500 e le arancine frutto di un’iniziativa di un novello Francesco Procopio dei Coltelli in una capitale del nord.

I social hanno fatto il resto e le foto di piedi estivi in spiaggia o di animali hanno lasciato spazio a vere “nguantiere di arancine tonde e oblunghe” molto dorate all’esterno, segno di un’abbondante confidenza con l’olio che se sviluppata in ambito familiare può rimanere nell’ambito del digeribile, fermo restando la “festa delle transaminasi”, ma se rapportata a una preparazione su numeri significati e commerciali …….

La devozione dicevamo è forte a tal punto che “l’adorazione” (magari ci si limitasse ad adorarle) ha superato di molto tutti gli altri riti culinari legati a ricorrenze religiose, finanche i mitici “babaluci” del festino e quel che peggio, una volta trascorsa quella che impropriamente chiamiamo “la festività” rimane la scia della riproposizione e dello smaltimento poiché il palermitano nell’esagerazione è sempre splendido e sovrastimati i suoi bisogni a tavola, al termine della grande abbuffta, finisce sempre col dire: arristaru tutti chisti! Cu si l’avi a manciari? Domani, domani …..

Insieme a un saluto ancora pregno di frittura, un abbraccio, Epruno.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti