Da “luce dei suoi occhi” a ”ragazzino che pensa solo a sé stesso”, così Riina posò Messina Denaro :ilSicilia.it
Caltanissetta

Lo ha detto il pm Gabriele Paci nella requisitoria del processo

Da “luce dei suoi occhi” a ”ragazzino che pensa solo a sé stesso”, così Riina posò Messina Denaro

di
26 Giugno 2020

«Nel pieno del processo sulla Trattativa Totò Riina è inferocito. Si lamenta di Matteo Messina Denaro, che definisce un “ragazzino che si è messo a prendere soldi, si interessa di sé stesso e non delle questioni. “Se ci fosse suo padre, che era un bravo cristiano che mi dava a suo figlio per farne quello che dovevo fare…”». A ricostruire il rapporto tra il capo dei capi di Cosa nostra e il superlatitante è il pm Gabriele Paci nella requisitoria per il processo, a Caltanissetta, a Matteo Messina Denaro, accusato di essere uno dei mandanti degli attentati di Capaci e Via D’Amelio.

«Brusca fornisce una indicazione fondamentale – ha continuato il pm Paci – siamo alla fine del ’92. Riina gli fa una confidenza e gli dice “guarda che se mi succede qualcosa i picciotti, Giuseppe Graviano e Matteo, sanno tutto”».

Il pm Gabriele Paci durante la requisitoria ha più volte sottolineato come Riina parlasse di Messina Denaro come «la luce dei suoi occhi. Il padre lo aveva messo nelle sue mani – ha detto il pm Paci – “E io l’ho fatto buono”, diceva Riina, ricordando questo mafioso che gli era cresciuto sulle ginocchia».

“IL MAXI PROCESSO INFRANSE MURO DI OMERTÀ”

“Il maxi processo è l’emblema della reazione dello Stato alla mafia. Si infrange il muro dell’omertà e si condannano mafiosi importanti”. Lo ha detto il pm Gabriele Paci nella requisitoria nel processo a Matteo Messina Denaro, accusato di essere uno dei mandanti degli attentati di Capaci e Via D’Amelio, che si celebra davanti alla Corte d’Assise di Caltanissetta, nel ricostruire le vicende di Cosa Nostra negli anni che hanno preceduto le stragi.

“Totò Riina aveva sempre garantito il buon esito dei processi – ha aggiunto Paci – lui aveva i suoi canali per arrivare agli aggiustamenti di questi processi e reagisce in maniera feroce quando capisce che la situazione gli è sfuggita di mano, perché gli amici hanno girato le spalle e non ci sono margini, gli dicono che non possono fare nulla per intervenire.

C’è anche una partita interna che deve giocare Riina che avendoci messo la faccia non può accettare la sconfitta. La sua leadership – ha ricostruito il Pm – rischiava di essere messa in discussione dopo tanti anni. Si trova improvvisamente in brache di tela e ben prima della sentenza della Cassazione emessa nel gennaio del ’92 è consapevole che non c’è nulla da fare. Riina sta impazzendo e in Cosa Nostra si diffonde un sentimento assai incline al pessimismo. Siamo intorno all’ottobre del 91 e si è abbandonata la speranza di arrivare all’annullamento delle condanne. Il mancato aggiustamento del maxi processo – ha evidenziato il Pm Paci – diventa il momento in cui comincia la strategia per togliere di mezzo amici e nemici. Il fallimento dei tentativi di aggiustamento vengono imputati innanzitutto a Giovanni Falcone”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.