"Da Nazareth a Betlemme": si rinnova a Gangi la magia del presepe vivente :ilSicilia.it
Palermo

Dal 26 al 29 dicembre

“Da Nazareth a Betlemme”: si rinnova a Gangi la magia del presepe vivente

di
7 Dicembre 2019

A Gangi, annoverato tra i “Borghi più belli d’Italia”, dal 26 al 29 dicembre, potrete respirare la magia del “presepe vivente da Nazareth a Betlemme“.

Tra i più suggestivi d’Europa, già insignito del prestigioso premio ITALIVE, definito da “Google Buon Natale”  uno tra i più belli d’Europa, è diverso da tutti gli altri per ambientazione, organizzazione, spirito e atmosfera. Un’autentica immersione tra la fede e le radici più antiche del villaggio, dove non è retorica dire che il tempo sembra essersi fermato. Una magica concentrazione dove verranno presentate le origini di Gesù a Nazareth e a Betlemme. Tutto ciò è reso possibile dall’Associazione Culturale “Da Nazareth a Betlemme”, uomini e donne che per un intero anno si dedicano con entusiasmo, gratuità e passione alla preparazione di questo evento che richiama, ormai, migliaia di turisti da ogni parte d’Italia.

Gangi presepe vivente

La manifestazione storico-artistica-religiosa ha il suo cuore pulsante attorno all’antico quartiere di Santa Lucia, proprio sotto piazza del Popolo, dove gli oltre 250 figuranti, superata la soglia del grande portone in legno della chiesa Madre, si muoveranno in un palcoscenico naturale costruito tra i vicoli del borgo che riprodurrà una Betlemme immaginaria: pastori, mercanti, suonatori, venditori ambulanti, osti, lavandaie, ottomani, giocolieri accompagneranno il visitatore in un viaggio nei luoghi sacri. Un passato millenario in cui saranno riproposte le principali scene della natività, spaccati della vita sociale della Palestina del tempo, legate alla presenza militare di Roma imperiale con Erode, la sua corte e i soldati. Tra i quadri più suggestivi, l’apparizione dell’Angelo e la fuga dal censimento di Maria e Giuseppe da Nazareth a Betlemme.

Gangi presepe vivente

Quest’ultimo, rappresentato nello scenario unico della scalinata, conduce sotto gli archi della Torre trecentesca dei Ventimiglia dove sarà ricostruita la grotta della natività. Una colonna sonora e una voce fuori campo, ciascuna scena è priva di dialoghi tra gli attori, descriveranno le atmosfere del tipico paesaggio urbano dell’epoca. La regia è curata da Carmelo Domina e Peppuccio Ballistreri; le musiche sono di Giovanni Germanà; la voce fuori campo di Santi Cicardo e la consulenza storica di Stefano Sauro. L’iniziativa, organizzata dall’Associazione “Da Nazareth a Betlemme”, è patrocinata dal Comune di Gangi, Bcc, ARS e Senato della Repubblica con la collaborazione della Pro-Loco, Forum Giovani, delle associazioni locali, dell’impresa Gangi Impianti e la disponibilità del parroco don Pino Vacca.

Carmelo Domina, anima e regista della kermesse, così la descrive: “Ci prepariamo ad accogliere migliaia di visitatori, attratti dal fascino discreto e silenzioso della bellezza che proviene dal presepe, la manifestazione, infatti, rispecchia fedelmente quanto raccontato dal Vangelo, ma ogni anno riserva delle nuove sorprese e quest’anno cercheremo di stupire i visitatori con accorgimenti canori, nuove scene che vogliono stimolare la fantasia e il raccoglimento in preghiera. Quest’anno Papa Francesco è andato a Greccio dove nel 1223 San Francesco diede vita al primo presepe vivente della storia e da allora, la tradizione dei presepi viventi si è diffusa in tutto il mondo occidentale cristiano, senza presunzione ma con umiltà e profonda fede inviteremo, anche, il Santo Padre a venire a visitare ed ammirare il nostro presepe che è un vero percorso di fede e tradizione, so che è un sogno ma nella vita nulla è impossibile. Dietro i riconoscimenti che abbiamo ricevuto negli anni c’è l’impegno di una comunità quella gangitana, il lavoro dell’associazione “Da Nazareth a Betlemme” e grazie al sostegno del Comune di Gangi e la collaborazione della Pro-Loco e di tutte le associazioni locali”.

L’accesso alla manifestazione, che prevede 14 rappresentazioni al giorno, avviene a gruppi ed è obbligatorio l’acquisto anticipato del ticket d’ingresso.

La vendita si svolgerà on linee ed è possibile avere informazioni, prenotare e acquistare il biglietto su: www.presepeviventegangi.it, www.ciaotickets.com/biglietti/il-presepe-vivente-gangi o presso un qualsiasi punto vendita CiaoTickets, sportelli presenti in tutt’Italia, alcuni dei quali, per l’occasione, sono già stati autorizzati anche a Gangi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.