Da oggi l'Oratorio Quaroni a Palermo, l'arcivescovo Lorefice: "Sarà un luogo di incontro e bellezza" | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

nel pomeriggio l'inaugurazione

Da oggi l’Oratorio Quaroni a Palermo, l’arcivescovo Lorefice: “Sarà un luogo di incontro e bellezza” | Video intervista

20 Dicembre 2018

Guarda la video intervista in alto

La bellezza salverà il mondo, il sillogismo di Todorov da oggi, 20 dicembre, rivive a Palermo dove è stato inaugurato l’Oratorio Quaroni. Si trova in via Maqueda, nel centro storico, a due passi dal Teatro Massimo ed è un sorta di “piazza culturale” che ospiterà dibattiti, incontri e iniziative inerenti ai Beni Culturali in Sicilia.

Una vera e propria agorà sorta in un luogo strappato al degrado che apre grazie all’impegno di Padre Giuseppe Bucaro, Direttore dei Beni Culturali dell’Arcidiocesi di Palermo in collaborazione con il Dipartimento dei Beni Culturali, il Centro per il Restauro e la Fondazione Federico II Palermo.

area quaroniFino a pochi anni fa, prima che sorgesse l’Area Quaroni, il complesso che oltre all’Oratorio ospita luoghi di ritrovo e attività commerciali, la zona era in balìa del degrado. Rifiuti, siringhe, sfabbricidi, uno scenario negletto che strideva con la magnificenza della vicina piazza Verdi.

Il primo evento previsto per il “battesimo dell’Oratorio Quaroni è “Rosalia eris in peste patrona“, promossa dalla Fondazione Federico II e portata avanti in sinergia con l’Assemblea regionale siciliana, il dipartimento regionale dei Beni culturali, la Soprintendenza per i Beni culturali e l’Arcidiocesi di Palermo.

All’inaugurazione di oggi, oltre a Padre Bucaro, erano presenti anche il direttore generale della Fondazione Federico II, Patrizia Monterosso, e monsignor Corrado Lorefice, arcivescovo di Palermo, che auspica che  “l’Oratorio sia un luogo che crei relazione, di incontro e di bellezza“.

 

Leggi anche:

 

Apre a Palermo l’Oratorio Quaroni, una nuova “piazza” per la cultura

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona