Da Palermo a Messina in mountain bike, l'impresa della "Asd Margi Bikers" | FOTO :ilSicilia.it
Messina

PERCORSO COMPLETATO IN 5 GIORNI

Da Palermo a Messina in mountain bike, l’impresa della “Asd Margi Bikers” | FOTO

di
5 Settembre 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Da Palermo a Messina in mountain bike. Questa è l’impresa compiuta da nove atleti della ASD Margi Bikers, società sportiva dilettantistica che ha organizzato una vera e propria traversata in bici dell’antica “Via Francigena“, strada usata nel passato per la transumanza e diventata oggi percorso naturalistico per bikers e turisti. I ciclisti hanno percorso oltre 435 chilometri, con un dislivello di oltre dodici mila metri impiegando circa cinque giorni di tempo per completare il percorso.

Gli atleti della “Asd Margi Bikers” erano attrezzati con borse e zaini adatti ad un cicloturismo in mountain bike, contenenti abbigliamento tecnico sportivo per ricambio, giacche antivento e pioggia, abbigliamento leggero serale con felpe per temperature più basse, attrezzi e minitool per la bicicletta, caricatori per telefoni cellulari e action cam, cassetta di pronto soccorso, integratori, gel e barrette energetiche. “Un ringraziamento particolare, oltre che agli sponsor, – sottolinea il presidente Bompasso – va all’Associazione amici dei cammini francigeni di Sicilia e alle Ciclabili siciliane che ci hanno fornito le tracce del percorso”.

Il gruppo formato da Luigi Bompasso, Benedetto Mangiapane, Rosario Titone, Alfonso Macaione, Settimo Ferrante, Daniele Scordato, Massimo Gambino, Lorenzo Valenti e Rocco Lo Duca era partito all’alba del 31 agosto dalla Cattedrale di Palermo. Il primo giorno  di viaggio è terminato con l’arrivo a Montemaggiore Belsito passando da Bagheria, la Riserva di Pizzo Cane (Ventimiglia di Sicilia), l’Eremo di San Felice e Caccamo, per un totale di 74,7 chilometri con 1.970 metri di salite e 1.490 di discese.

Giorno 1 settembre il gruppo è partito da Cozzo Viscardo e Caltavuturo, con  arrivo a Sclafani Bagni, in modo da raggiungere in seguito Castellana Sicula, Polizzi Generosa, Petralia Sottana e infine Gangi. La tappa, resa più dura dalla pioggia, ha uno sviluppo di 75 chilometri con 3.100 metri di dislivello.

La terza tappa doveva servire a raggiungere Randazzo passando da Sperlinga, Nicosia e Cesarò, percorrendo 91.9 chilometri con 2.150 metri di salite e 2.330 di discese. In realtà il tempo inclemente ha costretto gli atleti a fermarsi a Troina, percorrendo solo 68 chilometri con 1850 metri di dislivello.

Quarta tappa: Randazzo, Floresta, Montalbano Elicona, percorrendo 87 chilometri con 2100 metri di dislivello. Quinta tappa: San Basilio, Novara di Sicilia e monti Peloritani, Castroreale, Santa Lucia del Mela e sosta per pernottare a Rometta Marina, per un totale di 97 chilometri, 2.250 metri di salite e 1950 metri di dislivello.

Oggi il rush finale passando da Colle San Rizzo con l’arrivo al Duomo di Messina dopo aver percorso “solo” 30 chilometri e 700 metri di dislivello.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin