Da Palermo a Milano. Solo andata :ilSicilia.it

La riflessione di un giovane

Da Palermo a Milano. Solo andata

14 Ottobre 2019

Riceviamo e pubblichiamo un articolo del giovane Mattia Caleca figlio del noto avvocato palermitano Nino Caleca.

di Mattia Caleca

 

 

Il Sud è caldo. Il Nord è freddo.

Non c’è dubbio: questa è la prima idea nella mente di tutti.

Lasciare il calore della nostra casa, la famiglia, gli amici, il mare. Si, il mare che al nord non c’è. Al Nord c’è il lago, i monti, e il freddo.

Spaesato. Questa è la sensazione di chi atterra a Milano.

E ora?

C’è freddo, siamo solo a Ottobre.

Nessuna certezza, tanti dubbi; la miscela perfetta che produce la Paura.

Un nuovo inizio. Ma da dove iniziamo? Università. È in quel luogo che tutto riparte. Impegni, amici, esami, amori. L’Università ci salva; nuovi stimoli. Lì siamo tutti ospiti: Palermo, Napoli, Bari, Roma, Firenze, Padova, Modena e altre città; cosa importa, siamo tutti fratelli, ora non più spaventati ma curiosi e forse anche eccitati.

Le lezioni insieme diventano quasi piacevoli. Ci si vede anche di sera, si gira tra i grattacieli di Milano. Una birra “in Colonne” o un aperitivo in Brera.

Ormai è passato qualche mese e la barriera di ghiaccio del Nord è stata rotta: c’è odore di casa.

Poi arriva Dicembre; ora si che fa veramente freddo, non importa. Milano a Natale prende vita. Il Duomo diventa ancora più bello.

È il momento dei saluti, per le vacanze si “scende” tutti a casa. Ormai però il significato di “casa” è aleatorio: il caldo e il freddo si sono mescolati dando vita a un qualcosa di nuovo.

Mamma e papà aspettano in aeroporto.

Il mare, era mancato tanto. Che bella Palermo.

C’è però qualcosa di strano: non ci si sente del tutto a proprio agio. Come se si fosse un ospite appena arrivato.

Si osserva tutto più attentamente: la Statua, via Libertà, il teatro Politeama, il teatro Massimo e tutto il resto.

Che bella Palermo. Non l’avevamo mai vista così.

Gli amici di una vita, il nonno e la sorella; fanno tutti festa.

Le vacanze passano subito tra un panettone e un mercante in fiera.

Siamo pronti, Milano arriviamo.

È cambiato tutto. Non abbiamo paura, siamo contenti, euforici.

Torniamo alla nostra quotidianità. Gli amici sono tutti lì, le lezioni sono ricominciate e gli esami si avvicinano. Non vediamo l’ora.

Ormai si è indipendenti, addirittura ci curiamo da soli se prendiamo la febbre.

Si lascia la famiglia, se ne trova una nuova, una in più.

Ne è valsa la pena? Si, senza dubbio.

Che bella Milano.

Che bella Palermo.

Siamo fortunati.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.