Da Palermo il via alla settimana nazionale della Protezione Civile | Il Programma :ilSicilia.it
Palermo

Dal 12 al 19 Ottobre

Da Palermo il via alla settimana nazionale della Protezione Civile | Il Programma

11 Ottobre 2019

Sarà il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ad aprire a Palermo la prima “Settimana nazionale della protezione civile”, che si svolgerà dal 12 al 19 ottobre.

L’iniziativa, che ha carattere nazionale, è stata istituita lo scorso 1 aprile con una direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri, in coincidenza con la giornata internazionale dell’ONU per la riduzione delle catastrofi naturali .

Angelo Borrelli visiterà il Parco della Salute di Palermo e le cittadine di Capaci e Carini. La “Settimana della Protezione civile” prenderà il via sabato 12 ottobre alle 9.00, in corrispondenza con l’evento conclusivo della campagna “Io non rischio”, che vedrà in 60 piazze della Sicilia centinaia di volontari impegnati a fare azione di sensibilizzazione e informazione.

In linea con il codice di Protezione Civile, l’iniziativa punta a rafforzare il sistema informativo complessivo per far conoscere i comportamenti da adottare in caso di calamità naturali per mitigare i fattori di rischio.

All’interno dei gazebo che verranno allestiti si potranno ricevere, infatti, informazioni e materiale utile sui comportamenti da assumere in caso di terremoti, alluvioni, maremoti, incendi. “Conoscere per salvarsi” è, infatti, quello che potremmo definire il tema dominante della campagna informativa nazionale.

Calogero Foti
Calogero Foti

L’importanza dell’informazione e della prevenzione nella gestione del rischio, già a partire dalle scuole dell’obbligo, rappresenta – dice Calogero Foti, Capo del DRPC Siciliauna delle priorità della Protezione civile. Il nostro è un Paese esposto a numerosi rischi naturali, ma spesso la drammaticità che assumono molti eventi è aggravata da comportamenti irresponsabili o inadeguati. Una informazione più capillare e una maggiore consapevolezza possono contribuire a ridurre significativamente i danni a persone e cose”.

Già da qualche tempo – continua Calogero Foti – abbiamo potenziato il nostro impegno sul fronte della prevenzione e dell’informazione che consideriamo un importante elemento per la riduzione del rischio e, da ultimo, il Governo ha istituito all’interno del DRPC Sicilia un’unità di comunicazione per agevolare il flusso informativo con la popolazione. Le drammatiche esperienze raccolte nelle diverse calamità naturali in cui siamo chiamati ad intervenire – dice Foti – evidenziano in linea di massima due aspetti: da un lato un uso talvolta irresponsabile del territorio, dall’altro comportamenti umani inadeguati che spesso contribuiscono pesantemente nel bilancio delle situazioni di crisi ambientale”.

L’attività di protezione civile, che fino ad oggi si è rivolta all’intervento in emergenza, sempre più è chiamata ad orientarsi verso quattro attività: previsione, prevenzione, emergenza e ripristino. La prevenzione va effettuata attraverso la redazione dei piani di emergenza, le opere di messa in sicurezza, le esercitazioni, ma anche l’informazione e la formazione, la divulgazione dei concetti di rischio, l’incremento della capacità di resilienza.

Istituendo l’Autorità di Bacino del Distretto Idrografico della Sicilia, l’attuale Governo ha mostrato attenzione verso la tutela dell’ambiente rafforzando le strutture di controllo – sottolinea Calogero Foti – con il potenziamento del rapporto con le associazioni di protezione civile, invece, si rafforza l’aspetto della sensibilizzazione della cittadinanza verso l’assunzione di comportamenti corretti da assumere per ridurre e affrontare emergenze e rischi”.

Esperienze come quella di Giampilieri, di cui si è appena celebrato il decennale, con il drammatico epilogo di morti e dispersi – evidenzia il capo del DRPC Sicilia – ci invitano a non chiudere gli occhi e ad intervenire con tempestività e impegno affinché la popolazione venga educata a rispettare il territorio e sia, allo stesso tempo, preparata sempre di più e meglio a fronteggiare le eventuali emergenze”.

IL PROGRAMMA DELL’EVENTO

Sabato 12 e domenica 13 – In 60 piazze della Sicilia saranno installati i gazebo della campagna “Io non rischio”. Il Capo del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, Angelo Borrelli, sarà presente a Palermo per l’apertura nell’info point che sarà realizzato all’interno del Parco della Salute – Via Umberto I n. 1 alle ore 9.30

Lunedì 14 – Workshop “Beni culturali: salvaguardia e tutela in situazioni emergenziali” – Sala della Presidenza della Regione Siciliana in via Magliocco. Oggetto dell’incontro il recupero dei beni architettonici e delle opere d’arte in casi di calamità naturali. Saranno presenti esperti dei diversi organismi coinvolti: DPC, DRPC, VV.FF. Ministero , Carabinieri del nucleo di tutela dei Beni culturali, Ordine diocesano e CEI

Mercoledì 16 – Conferenza nazionale “Territorio, resilienza e gestione del rischio: l’importanza della prevenzione”. Presso le sedi delle prefetture dell’Isola si svolgeranno incontri tematici in collegamento con la Conferenza nazionale. Agli incontri, che avranno come obiettivo quello di definire strategie di intervento comuni parteciperanno sindaci, rappresentanti degli organismi di protezione civile, MIUR, Ufficio scolastico Regionale, Città metropolitana di Palermo.

Giovedì 17 – Evento finale CiProVoT – Civil Protection Volunteers Training – Camplus Palermo – via dei Benedettini. Verrà presentato il progetto portato avanti dal CESIE relativo a un Corso di formazione transnazionale online per volontari e professionisti di protezione civile, nonché per studenti e laureati in materia di protezione civile, ingegneria, geologia e architettura interessati alla prevenzione e gestione dei disastri

Venerdì 18 – Nei capoluoghi di provincia, con la collaborazione delle Prefetture, nell’ambito del progetto “Io non rischio scuola” si svolgeranno simulazioni di evacuazione di un istituto scolastico. A Palermo la simulazione verrà effettuata nell’Istituto Comprensivo Statale “Luigi Capuana” che si trova in via Alessio Narbone.

Sabato 19 – In diversi comuni dell’Isola giornate formative “Io non rischio scuola” Attività di formazione dei comunicatori che verranno, nel corso del 2020 utilizzati per effettuare formazione di protezione civile nelle scuole primarie.

Domenica 20 – In collaborazione con l’Ordine regionale degli Ingegneri si svolgeranno due eventi a Menfi e a Sciacca sulla prevenzione del rischio sismico.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.