Da più di 3 mesi un frigo in mezzo alla strada. "Nessun intervento della Rap", denunciano i residenti :ilSicilia.it
Palermo

Le segnalazioni dei lettori

Da più di 3 mesi un frigo in mezzo alla strada. “Nessun intervento della Rap”, denunciano i residenti

di
5 Gennaio 2018

«Le allegate foto in alto per segnalare una situazione che perdura da oltre tre mesi, cioè da quando è stata segnalata al servizio rifiuti ingombranti la presenza di un frigo abbandonato in fondo alla Via Valerio Rosso, in prossimità della svolta per via Ugo Falcando». Così il signor J.F.L.T., residente della zona, scrive alla redazione de ilSicilia.it per denunciare “l’immobilismo” della Rap, azienda che si occupa della rimozione dei rifiuti a Palermo.

E come spiega la celebre “Teoria delle finestre rotte” (la teoria criminologica sulla capacità del disordine urbano e del vandalismo di generare criminalità aggiuntiva e comportamenti anti-sociali), basta che un incivile butti per strada un ingombrante, che nel giro di poco quell’area diventi una discarica a cielo aperto. Infatti, «in successive segnalazioni – prosegue il residente – è stata segnalato che la presenza del frigo abbandonato ha autorizzato qualche incivile cittadino dei dintorni ad abbandonare vicino rifiuti di qualsiasi genere. E oggi, tra l’altro, questo frigo vagante si ritrova a volte nella carreggiata! Non ritenete sia il caso di intervenire? Un cittadino residente in zona».

Anche l’amministratore del condominio adiacente si unisce al coro di proteste sul frigo vagante: «Ho mandato segnalazione alla Rap per il ritiro del frigo ma nessuno è intervenuto finora. Una vergogna. Sono passati più di 3 mesi. Eppure ci avevano che la Rap effettuava gratuitamente il ritiro degli ingombranti a domicilio».

ingombranti rap palermoDalla Rap arriva la seguente replica: «Dalla segnalazione si evince che trattasi di rifiuti abbandonati illecitamente su strada di chi non vuole fare la differenziata. Infatti la suddetta via fa parte dell’area servita dal “porta a porta” dove vige il servizio di raccolta differenziata. Spesso l’azienda si trova ad intervenire con il ritiro di questi rifiuti  manualmente perché non si rispetta il calendario giornaliero delle frazioni previste». 

«In riferimento all’ingombrante abbandonato sempre nella suddetta via, invece – precisa l’azienda inseriremo in programma la sua rimozione. Si ricorda che la Rap ha un servizio gratuito a domicilio per il ritiro degli ingombranti e che basta contattare il numero verde aziendale 800.237713 o utilizzare l’App scaricabile da telefonino per chiedere un intervento entro e non oltre 5 giorni. Sono tanti i i rifiuti che vengono abbandonati su strada si pensi che soltanto nel mese di dicembre l’azienda ha prelevato 12.967 pezzi di ingombranti».

 

Ricordiamo a tutti i lettori che possono inviarele proprie segnalazioni alla nostra redazione, via email all’indirizzo: redazione@ilsicilia.it

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.