"Da Roncisvalle a Roncisvalle": al Teatrino di Cuticchio le immagini del viaggio | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Venerdì 21 alle 18

“Da Roncisvalle a Roncisvalle”: al Teatrino di Cuticchio le immagini del viaggio | VIDEO

21 Dicembre 2018

Guarda il video in alto 

Un racconto per immagini del viaggio di Mimmo Cuticchio con la sua “carovana di pace” che è partita dalla Sicilia e si è inerpicata sui Pirenei, raggiungendo la mitica piana di Roncisvalle.

Un percorso in tre tappe, tra giugno e luglio, Palermo, Roma, Roncisvalle, che è stato documentato e narrato da chi ha deciso di seguire il puparo e cuntista, ovvero una troupe dell’Università La Sapienza di Roma nell’ambito del progetto “Per fare il teatro che ho sognato”, curato dal Dipartimento di Storia, Antropologia, Religioni, Arte e Spettacolo.

Venerdì 21 dicembre, alle 18, al Teatrino di via Bara all’Olivella, sarà presentato il racconto video che è nato dall’esperienza.

Artisti, marionettisti, Pulcinella, cantastorie hanno invaso i paesini al di qua e al di là dei Pirenei, fermandosi per offrire spettacoli al pubblico, per poi ritrovarsi nella nebbia a Saint Jean Pied de Port sul sentiero che porta verso Ibañeta, al confine tra Francia e Spagna.

La carovana laica, con in testa il pupo Orlando, ha raggiunto il luogo in cui leggenda vuole che sia avvenuta la tremenda disfatta dei paladini. E lì Mimmo Cuticchio ha presentato il suo cunto de “La morte di Orlando”, immerso in una nebbia lattiginosa che rendeva tutto come immerso in un sogno.

Un’opera visuale, un diario di viaggio che, attraverso immagini, suoni e parole, restituisce le gesta dei pupi e il racconto della disfatta dei paladini rievocata nei luoghi del mito da Mimmo Cuticchio; scorrono come una pellicola, le voci di tutti i narratori che si sono avvicendati lungo il percorso, da Palermo a Puerto de Ibañeta.

Sabato e domenica (22 e 23 dicembre), invece, sempre nel Teatrino, alle 18,30 proseguono gli spettacoli di Opera dei Pupi del cartellone “Da Roncisvalle a Roncisvalle”: stavolta tocca ad uno degli episodi più amati della Chanson, quell’“Ultimo tradimento di Gano”.

Gano di Magonza, padrino di Orlando, si allea per vendetta con re Marsilio contro Carlo Magno. Sarà lui ad organizzare l’agguato di Roncisvalle in cui moriranno Orlando e i Paladini. L’ultima battaglia sarà invece il cuore dell’ultimo appuntamento del cartellone, “La morte di Orlando” (in programma il 29 e 30 dicembre).

La compagnia di Opera dei pupi è formata da Mimmo e Giacomo Cuticchio, Tania Giordano, Giuseppe Airò; al piano a cilindro Provvidenza Padalino (biglietto: 10/5 euro). Giovedì 27 dicembre, infine, Salvino Calatabiano si dedicherà a “Rinaldo pellegrino” (ingresso libero).

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.