"Da Roncisvalle a Roncisvalle": in programma spettacoli, incontri e narrazioni | Fotogallery :ilSicilia.it
Palermo

Sulle orme della "carovana di pace" di Mimmo Cuticchio

“Da Roncisvalle a Roncisvalle”: in programma spettacoli, incontri e narrazioni | Fotogallery

di
5 Dicembre 2018

Guarda la fotogallery in alto 

Dopo la benedizione speciale di Papa Francesco la “carovana di pace” di Mimmo Cuticchio è partita dalla Sicilia alla volta dei Pirenei, raggiungendo la mitica piana di Roncisvalle.

Un percorso in tre tappe, tra giugno e luglio, Palermo, Roma, Roncisvalle, che è stato documentato e narrato da chi ha deciso di seguire il puparo e cuntista: artisti, marionettisti, pulcinella, cantastorie, hanno invaso i paesini al di qua e al di là dei Pirenei, fermandosi per offrire spettacoli al pubblico, per poi ritrovarsi nella nebbia a Saint-Jean-Pied-de-Port sul sentiero che porta verso Ibañeta, al confine tra Francia e Spagna.

Roncisvalle

La carovana laica, con in testa il pupo Orlando, ha raggiunto il luogo in cui leggenda vuole che sia avvenuta la tremenda disfatta dei paladini. E qui Mimmo Cuticchio ha presentato il suo cunto de “La morte di Orlando”.

L’esperienza dei mesi scorsi oggi è racchiusa in un libro e in un documentario, che saranno presentati venerdì  7 dicembre, alle 18, al Teatrino dei Pupi di via Bara all’Olivella.

Il volume tenta di restituire il senso di questa ultima edizione de “La Macchina dei Sogni”, nata sotto il segno dell’utopia: perché un’impresa favolosa è diventata realtà.

La pubblicazione raccoglie diversi materiali del Festival, gli spettacoli che hanno preso il via al convento di Santa Caterina, a Palermo; le mostre e l’esperienza di Roncisvalle, attraverso il diario di bordo scritto da Chiara D’Ambros, e un Carnet de Voyage di Giuliano Scabia; con i contributi dei 12 “pari”, studiosi di varie materie, che hanno affiancato Cuticchio.

Raccontare La Macchina dei Sogni” è invece il documentario che verrà presentato giovedì 20 dicembre, alle 18, sempre al Teatrino, realizzato da una troupe dell’Università La Sapienza di Roma nell’ambito del progetto “Per fare il teatro che ho sognato”, curato dal Dipartimento di Storia, Antropologia, Religioni, Arte e Spettacolo.

Un’opera visuale, un diario di viaggio che, attraverso immagini, suoni e parole, restituisce le gesta dei pupi e il racconto della disfatta dei paladini rievocata nei luoghi del mito da Mimmo Cuticchio; scorrono come una pellicola, le voci di tutti i narratori che si sono avvicendati lungo il percorso, da Palermo a Puerto de Ibañeta.

Da Roncisvalle a Roncisvalle”, infine, mette insieme quattro spettacoli, sceneggiati e diretti dal puparo, che raccontano la rotta di Roncisvalle.

Roncisvalle

Si inizia sabato e domenica (8 e 9 dicembre) alle 18,30, al Teatrino dei Pupi: la compagnia Figli d’arte Cuticchio propone il primo episodio “Vantamento dei paladini”. Seguiranno , “Malagigi brucia l’arte” (15 e 16 dicembre), “Ultimo tradimento di Gano” (22 e 23 dicembre) e “La morte di Orlando” (29 e 30 dicembre).

La compagnia di Opera dei pupi è formata da Mimmo e Giacomo Cuticchio, Tania Giordano, Giuseppe Airò; al piano a cilindro Provvidenza Padalino.

Il cartellone comprende anche due spettacoli di narrazione: giovedì 13 dicembre alle 18, l’attrice Marika Pugliatti presenta “Orlando e Agricane della Tartaria”; e giovedì 27,  Salvino Calatabiano si dedica a “Rinaldo pellegrino”. Ingresso libero.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.