Da Salina a Lisbona, la cucina siciliana nell'omaggio al "Postino" di Troisi | FOTOGALLERY :ilSicilia.it
Messina

Al "Festival do cinema italiano"

Da Salina a Lisbona, la cucina siciliana nell’omaggio al “Postino” di Troisi | FOTOGALLERY

di
14 Aprile 2018

SALINA (ME) –  Tre donne sicule non chef, portano l’enogastronomia Eoliana/siciliana a Lisbona cucinando per 300 persone in occasione del “Festival do cinema italiano”. 

L’evento di Lisbona rappresenta la IV Edizione del “Memorial Massimo Troisi“, con la consegna della scultura “l’ombra del Postino” di Fabio Pilato all’attore portoghese  Ronaldo Bonacchi che ha recitato con Troisi nel film “Non ci resta che piangere”.

Organizzazione della mostra itinerante “Il Postino, Salina la metafora della poesia”, presentata precedentemente a Pollara-Malfa e a Roma, curata personalmente da Lorenzo Baraldi e Gianna Gissi scenografo e costumista del film di Troisi.

Dopo Malfa e Roma, dunque, l’evento itinerante sbarca in Portogallo. Anche questa volta senza patrocini regionali e senza patrocini onerosi. Organizzazione delle due serate Cine-jantar, un incontro tra il cinema e la gastronomia siciliana/eoliane, dove tre donne sicule, non chef ma Sindaco, Produttrice e Organizzatrice/esperta in comunicazione, Clara Rametta, Daniela Virgona e Patrizia Gangi, hanno preparato e cucinato un menù tipico della loro Sicilia per 300 ospiti importanti.

 

Prodotti di Salina – malvasia e capperi e dolciumi del maestro Nicola Fiasconaro.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per