Dagli sceneggiati alle serie TV :ilSicilia.it

il blog

Dagli sceneggiati alle serie TV

di
16 Settembre 2021

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv. Da allora è trascorso, tanto tempo, ma lo sceneggiato che è rimasto sempre presente nella mia memoria è ” Belfagor il fantasma del Louvre”, 4 puntate trasmesse dalla rai nel 1965 per la prima volta e replicate 3/4 volte negli anni a seguire. Lo ricordo bene perché sia l’ambientazione (il museo del Louvre nel quale durante le notti i guardiani venivano terrorizzati da una figura nera spettrale  che usciva da un nascondiglio ubicato sotto la statua di Belfagor, una antica divinità) che il personaggio protagonista (una sorta di fantasma nero con maschera di cuoio) , hanno contribuito a popolare per tante notti i miei incubi di ragazzo e credo anche quelli di molti della mia  generazione.
Ho ovviamente acquistato i dvd di Belfagor in età adulta e sfidando la sorte ho voluto rivedere la prima puntata con il risultato sorprendente di sorridere delle mie passate paure. Ho anche fatto una solenne “malafiura” quando durante una visita al Louvre ho chiesto al custode di una delle sezioni se esistesse davvero la statua di Belfagor ottenendo la sdegnata risposta che quello era solo uno stupido film. Ne è stata fatta in tempi piu recenti una versione cinematografica di poco valore e scarso successo al botteghino. Insomma, per me Belfagor  ha rappresentato il temuto, per tutti i ragazzini, Uomo Nero.

Quel periodo e in particolare gli anni 70 sono stati anni d’oro per gli  sceneggiati tv  e la rai ne produsse e programmo’ molti( ho la fortuna di averli tutti in dvd) e tutti con grande successo di ascolti, Coralba (1970), Il segno del comando(1971), A come Andromeda (1972), E.S.P (1973), Ho incontrato un’ombra (1974), Ritratto di donna velata (1975), Gamma (1976), interpretati dai grandi attori dell epoca Alberto Lupo, Ugo Pagliai, Paolo Stoppa, Luigi Vannucchi, Paola Pitagora, Rossano Brazzi. Una citazione a parte merita “L’amaro caso della Baronessa di Carini” (1975) la cui sigla  era cantata da un giovanissimo e purtroppo recentemente scomparso Gigi Proietti.

Fantascienza, mistero, paranormale questi erano gli interessanti temi di molti di questi sceneggiati Rai,  che successivamente si sono un po appiattiti su quelli piu leggeri della nascente concorrenza. Sempre la Rai trasmise in quegli anni le prime serie tv di fantascienza che hanno fatto la storia del genere,  Doctor Who, Ufo e Spazio 1999, delle quali avremo modo di parlare (non vedo l’ora) nel dettaglio nei prossimi appuntamenti.

Negli anni successivi si è assistito ad una vera e propria rivoluzione televisiva, prima la nascita delle tv commerciali, poi le pay tv o televisioni a pagamento, come gradirebbe chiamarle il mio editore e infine le piattaforme streaming, hanno aumentato in maniera esponenziale  l’offerta televisiva dei telefilm e delle serie tv (la cui differenza molto sottile sta nel fatto che nei primi, ogni episodio è autoconclusivo, mentre nelle seconde le vicende dei vari personaggi si sviluppano episodio dopo episodio) che hanno piano piano conquistato milioni di appassionati in tutto il mondo e sempre più spazio nella programmazione delle varie tv.

Mork e Mindy, Happy Days, Star Trek, Chips, Streghe, 90210 Beverly Hills, Magnum P.I., E.R., Twin Peaks, Baywatch, Xfiles, Dr House, Jag, Stargate, NYPD, CSI, Battlestar Galactica, sono solo alcune delle “storie” che ho visto raccontate in tv nel corso di questi ultimi  decenni, alcune mi hanno divertito, altre emozionato ma tutte mi hanno lasciato qualcosa. Anche questa  volta lo spazio a mia disposizione volge al termine e vi rinnovo l’invito a scrivermi i vostri pareri, suggerimenti e/o indicazioni alla e-mail che ho creato ad hoc per la rubrica : fenomenoserietv@gmail.com

Suggerimenti di questa settimana:

Ray Donovan da S1 a S7 su Netflix
Battlestar Galactica Miniserie e da S1 a S4 su Prime
The Good Doctor S1 e S2 su Sky
Scandal da S1 a S7 su Disney +

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin