Dai faraoni alla principessa russa: ecco la storia del raro gatto Egyptian Mau :ilSicilia.it

una delle razze più antiche

Dai faraoni alla principessa russa: ecco la storia del raro gatto Egyptian Mau

di
27 Settembre 2021

La sua storia sembra uscita dai racconti del Manuel Fantoni di “Borotalco“: “Un marinaio mediorientale ne regalò uno a una principessa russa in esilio a Roma. E lei scoprì che era il gatto dei faraoni, adorato come un dio…”. E invece, la storia dell‘Egyptian Mau è tutta vera: uno splendido gatto tigrato che dalle piramidi è arrivato fino a noi, grazie alla passione di una nobildonna russa, incantata dalla bellezza di questa specie.

L’Egyptian Mau è un gatto ancora rarissimo in Italia (ce ne sono solo due o tre esemplari), nonostante proprio nel nostro paese abbia conosciuto la sua rinascita moderna.

Ai tempi dei faraoni, intorno al 1500 avanti Cristo, era venerato come un dio: la dea Bast aveva i suoi lineamenti, ed era il prediletto di Chepea, dea della creazione, perché sulla fronte aveva disegnato lo scarabeo sacro. Lo storico Diodoro racconta che gli egiziani lo nutrivano con una deliziosa pappetta a base di pane, latte e pesce tritato.

Le sue tracce poi si perdono col passare dei secoli. Finché nel 1953, un giovane marinaio mediorientale regala un cucciolo di gatto tigrato a una principessa russa in esilio a Roma, Nathalie Trubeckoj. La nobildonna rimane conquistata dalla bellezza di questo animale e scopre che viene dall’Egitto.

Attraverso un diplomatico siriano, riesce a far arrivare clandestinamente a Roma altri due esemplari (l’esportazione era vietata). Da questi tre esemplari, derivano i Mau egiziani attuali.

Nel ’56 Nathalie si trasferisce in Canada e qui apre un allevamento di questa razza, “Fatima”. Nel 1977 l’Egyptian Mau viene riconosciuto ufficialmente.

E’ un gatto molto vivace, affettuoso e legato al padrone, che segue ovunque. E’ snello e agile, con un pelo tigrato che può essere grigio chiaro, grigio scuro e marrone.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin