Dai frassini di Castelbuono nascono giocattoli e design per l’infanzia: ecco il brand Adidì :ilSicilia.it
Palermo

Il laboratorio di design

Dai frassini di Castelbuono nascono giocattoli e design per l’infanzia: ecco il brand Adidì

di
25 Luglio 2018

ADIDì è un gioco di parole arcaico che rimanda al linguaggio lessicale siciliano. Con questa parola gli adulti si rivolgevano ai bambini con il duplice risultato di catturare la loro attenzione e proiettarli in una dimensione fantastica. Allo stesso modo la produzione di ADIDì è una continua ricerca e un continuo passaggio dalla realtà alla fantasia.

ADIDì è il progetto nato all’interno dello studio di architettura di Francesca Mazzola, a Castelbuono, con lo scopo di creare spazi ed ambienti per bambini.

adidìUn progetto nato quasi per caso. “Dopo la nascita di un nipotino, ci siamo chiesti in famiglia cosa regalare” – racconta Francesca, trentenne, figlia di un ingegnere e di un architetto, sposata tanto per gradire con un architetto – “Un giocattolo, risposta quasi ovvia. Ok, ma perché non costruirlo noi?”. Da quel primo cavallino a dondolo sono nati molti altri pezzi, rigorosamente fatti a mano: non solo giochi ma anche arredi per l’infanzia, con un’attenzione “professionale” e al tempo stesso appassionata alle misure, agli spazi e alle esigenze dei piccoli.

Sviluppato come un vero e proprio laboratorio, ADIDì si occupa non soltanto della progettazione ma anche della realizzazione di oggetti e giochi fatti a mano, arredi e complementi per l’infanzia, valorizzando materiali e saperi della tradizione locale.

“Il materiale principale utilizzato è il legno, in particolare il frassino e l’ulivo, caratteristici delle campagne di Castelbuono dove ha sede il laboratorio – continua Mazzola – La scelta di queste tipologie di essenze nasce dalla volontà di promuoverne la conoscenza e radicare la nostra attività al territorio.”

ADIDì, oltre alle linee di arredo e complementi per l’infanzia, che includono la cartotecnica artistica, offre servizi specialistici come la progettazione di ambienti ed elementi su misura. Tutti i prodotti sono realizzabili in diversi colori e personalizzabili on demand, in base alle esigenze.

adidìLa scelta di focalizzare l’attenzione sul bambino e sull’ambiente all’interno del quale vive, cresce e gioca, nasce dalla convinzione che questi elementi contribuiscano alla crescita sana, allo sviluppo delle sue capacità e della sua autonomia.

Alla base della progettazione di ogni elemento ci sono principi della pedagogia Montessori, basata sull’indipendenza, sulla libertà di scelta e nel rispetto per il naturale sviluppo fisico, pedagogico e sociale del bambino.

Per questo motivo particolare attenzione viene posta agli ambienti in cui il bambino vive, in modo tale che siano ordinati e proporzionati alle sue forze, privi di pericoli e forniti di tutte quelle attività che gli permettono di sperimentare le sue capacità ed abilità. È attraverso la possibilità di agire all’interno di un ambiente che offre interessanti occasioni di attività, che il bambino sviluppa la propria intelligenza e specifiche capacità.

Anche la progettazione dei giocattoli Adidì è basata su questi principi, combinando sempre la dimensione ludica e pedagogica per il bambino con la qualità del design, alla sua dimensione estetica nell’ambiente circostante.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin