Dal 4 al 9 luglio il Monastero S. Maria Annunziata di Mandanici (ME) ospita la II edizione di "Write" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Messina

L’organizzazione della manifestazione è affidata alla direzione di Gigi Spedale per Latitudini

Dal 4 al 9 luglio il Monastero S. Maria Annunziata di Mandanici (ME) ospita la II edizione di “Write”

di
29 Giugno 2017

«C’è una parola che, da sola, può spiegare l’essenza di WRITE: dialogo. Dialogo autentico tra autori, tra operatori, con il luogo, con il pubblico. La seconda edizione della residenza internazionale di drammaturgia, che quest’anno vede coinvolti autori provenienti dall’Italia, dalla Grecia, dalla Francia e dalla Spagna, cercherà ancora una volta di suscitare relazioni, di approfondire il dibattito sulle scritture, sulla loro genesi, sulla lingua, sulle poetiche e sulle politiche che animano le parole, i testi e la scena. Proveremo, ancora una volta tutti insieme, a riflettere sul nostro lavoro, sulla necessità del confronto e sulle condizioni che sostengono, limitano o censurano la persistenza del teatro e delle arti». Con queste parole Tino Caspanello, ideatore e direttore artistico della prima residenza drammaturgica internazionale siciliana, giunta alla sua II edizione, si prepara a inaugurare i lavori di un evento che si annuncia ricco.

L’organizzazione della manifestazione è affidata alla direzione di Gigi Spedale per Latitudini, rete siciliana di drammaturgia contemporanea. A ospitare gli otto autori dal 4 al 9 luglio 2017 è il Monastero S. Maria Annunziata di Mandanici, grazie al patrocinio del Comune di Mandanici, al Sindaco Armando Carpo e al Presidente del Consiglio Comunale Avv. Annita Misiti Riparare.

Ognuna delle quattro giornate di lavori si concluderà con due misés en espace. Dal 5 all’8 luglio si esibiranno i testi dei seguenti autori, distribuiti rispettivamente come segue: 5 luglio, Mario Gelardi e Margherita Ortolani; 6 luglio, Konstantinos Bouras (Grecia) e Sabrina Petyx; 7 luglio, Niccolò Matovic e Josep Maria Mirò (Spagna); 8 luglio, Renato Gabrielli e GrégoryPluym (Francia). Gli interpreti e traduttori impegnati sono: Antonella Babbone, Giorgia Karvounaki, Renata Salvadore. Sarà presente il Prof. HaunSaussy dell’Università di Chicago, con cui Caspanello ha già avviato all’estero uno scambio propizio e decisivo e tre degli autori presenti alla trascorsa e prima edizione, datata 2016: Rosario Palazzolo, Turi Zinna e Saverio Tavano.

Due bandi in scadenza il 30 giugno sono rivolti alla partecipazione di 12 attori alle giornate dei lavori e alla selezione di 3 studenti del Dipartimento di Scienze Cognitive dell’Università degli Studi di Messina, in collaborazione con la dottoressa Assunta Penna e con E.R.S.U., ente regionale per il diritto allo studio.

L’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro rinnova anche quest’anno il suo interesse per l’iniziativa e l’osservatorio critico curato da Vincenza Di Vita sarà partecipato da Lorenzo Donati ed Elisabetta Reale, critici in residenza.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.