Dal degrado all'eccellenza, Todaro (Osp): "Come la Svizzera, curiamo il dettaglio" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

L'intervista

Dal degrado all’eccellenza, Todaro (Osp): “Come la Svizzera, curiamo il dettaglio” | VIDEO

di
8 Aprile 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Un nuovo parcheggio da 150 posti e la continua attività di dragaggio propedeutica all’arrivo delle maxi navi da crociera. Il restyling del Porto di Palermo continua e, grazie a OSP – Operazioni Servizi Portuali, molti cantieri sono praticamente giunti a completamento o procedono senza sosta.

Nel primo caso, si tratta di un’area parcheggio già funzionante, aperta al momento solo all’utenza portuale. Per il presidente di OSP, Giuseppe Todaro, si tratta della prima espressione della città con il porto.  A breve, con il completamento dei lavori, una parte dei posti auto verrà messa a disposizione anche dell’utenza esterna. Sia di giorno ma soprattutto la sera, si potrà accedere al parcheggio da via Filippo Patti. In questo modo, l’ingresso al porto sarà soltanto pedonale e permetterà di passeggiare a piedi lungo tutte le aree accessibili al pubblico. Un ulteriore passo avanti verso la realizzazione di un progetto che ridisegna il volto del porto di Palermo nelle opere e, più in generale nella visione concettuale.

Il secondo cantiere, riguarda invece le operazioni di dragaggio. Un’attività costante che deve essere fatta in maniera continuativa e che risulta fondamentale per l’arrivo delle maxi navi da crociera a Palermo.

Come sottolineato più volte anche da Pasqualino Monti, presidente dell’Autorità di Sistema portuale, i porti della Sicilia occidentale hanno investito molto sulla crescita del mercato crocieristico. Considerato da più parti strategico per la ripresa dell’economia del territorio, il turismo internazionale con l’arrivo di passeggeri a bordo delle maxi navi, può rappresentare un vero e proprio volano per la ripresa post lockdown non solo per Palermo ma per l’intera Isola. Per questo, l’attività di dragaggio di OSP, risulta indispensabile.

“Vogliamo – dice Todaro – essere il front office dell’accoglienza della città. Per questo, OSP lavora sull’immagine della struttura portuale, sulla formazione del personale e lo fa con un’attenzione al dettaglio, quasi assente in passato”.

La mission del presidente è quella di fornire una serie eterogenea di servizi intesi non più come una tassa da pagare, come un’imposizione fine a sé stessa ma, come un’opportunità in più rivolta all’utenza nel suo complesso.

Per Todaro, “La visione del porto intesa come area di degrado va stravolta. Vogliamo diventare nel nostro piccolo una Svizzera. Un obiettivo non utopistico per fare diventare il porto un’eccellenza”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin